Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Comunista di m****, ricordati che sei a Verona”: insulti e minacce a un omosessuale durante il Congresso delle Famiglie | VIDEO

Non accennano a placarsi le polemiche attorno al Congresso delle Famiglie, tenutosi a Verona tra il 29 e il 31 marzo. Dopo il video, circolato domenica, del sostenitore di Matteo Salvini che ha insultato pesantemente una poliziotta durante la manifestazione in piazza, emerge adesso un secondo video altrettanto vergognoso.

Davanti a Palazzo Gran Guardia, a Verona, tutti i passanti hanno assistito a un duro litigio. Un uomo, omosessuale, è stato infatti aggredito verbalmente da un altro uomo, con un pitbull al guinzaglio: “Comunista di m..! Stai zitto, ricordati che sei a Verona! Cane randagio”, gli ha urlato quest’ultimo.

Al suo fianco, secondo quanto riportato dal sito di Michele Santoro, c’era proprio quel ragazzo che ha insultato la poliziotta.

Non si è fatta attendere, però, la replica dell’uomo insultato: “Non sono comunista, sono una persona libera come tutti in questa città. Siete voi che non ci amate, fascisti. Venite a casa di notte, con la benzina, assassini”.

La figlia del leader del Congresso delle Famiglie a TPI: “Mio padre maschilista, evento da Medioevo, Dio ama le famiglie arcobaleno”

Poco dopo Angelo, l’uomo che è stato insultato, ha parlato ai microfoni di Servizio Pubblico: “L’11 agosto – ha raccontato – io e il mio compagno siamo stati aggrediti proprio in questa piazza, con botte e insulti, perché camminavamo mano nella mano”, ha denunciato.

Un mese dopo, ha continuato Angelo, “sono venuti a casa nostra e ci stavano per bruciare vivi. Hanno buttato 30 litri di benzina, hanno provato a colpirci in faccia. Sui muri hanno lasciato svastiche e scritte: “Culattoni bruciate” e “Vi metteremo tutti nelle camere a gas”. Il sindaco non ci tutela”.

Non era neanche la prima volta che lui e il compagno ricevevano minacce: “Sette giorni prima ci era arrivato un volantino in cui si diceva che i gay e le lesbiche dovevano essere uccisi”, ha raccontato.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI