Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Interviste

Rivolta anti-rom a Casal Bruciato, la mamma italiana sgomberata a TPI: “Voglio rientrare in quella casa”

Il coordinatore regionale di CasaPound a TPI: "Il Comune vuole far entrare i rom, per noi la legge è sbagliata, la casa va data alla ragazza italiana"

“Ho 20 anni e un bambino di 6 mesi. Ho saputo da Facebook e dai giornali che c’era una casa libera e che i rom erano andati via. Non sapevo che fosse stata assegnata ai rom. Siccome ho un bimbo piccolo e vivo con altre sei persone in una casa con due camere ho occupato quell’appartamento, ma poi sono uscita subito”.

A parlare a TPI è Noemi, la ragazza di Casal Bruciato che ha lasciato un appartamento destinato dal Comune a una famiglia di rom. Una circostanza che ha scatenato le proteste di alcuni residenti del quartiere.

Questi ultimi chiedono che sia Noemi ad entrare nella casa popolare e protestano contro l’arrivo dei rom. Lei spiega a TPI: “Ora sto aspettando, vorrei che mi dessero le chiavi per rientrare”.

Le proteste, a Casal Bruciato, sono iniziate nel pomeriggio di domenica 7 aprile e sono proseguite per tutta la giornata di lunedì 8.

Come successo a Torre Maura, anche in questo caso la violenza e la rabbia degli abitanti hanno avuto la meglio: dopo l’intervento dei carabinieri della stazione Roma Prenestina, la famiglia rom è stata costretta a lasciare l’alloggio popolare che aveva appena ottenuto.

La protesta, anche qui analogamente a Torre Maura, è stata appoggiata da militanti di Forza Nuova e di CasaPound.

TPI ha intervistato Mauro Antonini, coordinatore regionale di CasaPound: “I cittadini di Casal Bruciato si ribellano all’assegnazione ai rom di quella casa popolare. La famiglia italiana di Noemi è entrata nell’appartamento. Per i cittadini di Casal Bruciato sono meglio persone che sentono più consone al loro concetto di vicinato e concittadinanza”.

“Il Comune però dice: rispettiamo le graduatorie e facciamo entrare i rom – continua Antonini – Per noi questa legge è sbagliata, la politica ha calato queste decisioni dall’alto, sulle spalle dei cittadini. I cittadini romani veri non hanno gli stessi diritti dei rom e non possono beneficiare di queste assegnazioni. I criteri vanno rivisti”.

Antonietta come Simone, a 85 anni sfida Casapound a Casal Bruciato: “Siete dei fascistoni, mi fate schifo”
Roma, l’altra Torre Maura: anche i residenti di Casal Bruciato protestano contro l’arrivo dei rom
Casal Bruciato, spunta un cartello contro Simone di Torre Maura
Ti potrebbe interessare
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Ti potrebbe interessare
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Interviste / Linking Agency, come si costruisce la Web Reputation di un brand
Cronaca / Il sindaco di Lampedusa a TPI: "Salvini ora è al Governo, ci aiuti anziché fare propaganda"
Interviste / Chiusura piste da sci, Tripodi (M5s)a TPI: "Più indennizzi: stagione compromessa"
Cronaca / Gino Strada a TPI: “La crisi di governo? Una farsa, con 600 morti al giorno si litiga per un ministero in più”
Interviste / Faro (M5S) a TPI: “Dialogo con il centrodestra è un buon segnale. Ma sul Mes diremo sempre No”
Cultura / “La pandemia ha svelato la fragilità dell'uomo": parla Luca Parmitano
Cronaca / “A Mykonos ci siamo infettati col Covid e siamo tornati con EasyJet, ma l’Asl di Milano non ci fa il tampone”