Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Interviste

“Good Game, Boosta il tuo futuro!”: l’iniziativa di Gi Group che unisce eSport, Gaming e mondo del lavoro

Immagine di copertina

La crescita del Gaming in Italia (+21,9% nel 2021, con un fatturato di oltre due miliardi) e del movimento degli eSport (45 miliardi di euro di giro d’affari) è un trend di interesse anche per il mercato del lavoro. Sicuramente a livello occupazionale, ma anche come ambito per l’orientamento e la formazione delle nuove generazioni e degli appassionati.

Proprio per intercettare la Generazione Z e i Gamer, Gi Group, la prima multinazionale italiana del lavoro, lancia “Good Game, Boosta il tuo futuro!” in partnership con 2WATCH, prima Media-Tech Company italiana nell’ambito dell’eSport. L’iniziativa avvicina il mondo del Gaming a quello del lavoro e vede Gi Group tra i primi player del settore a misurarsi con l’universo degli eSport promuovendo tre tornei per guidare i giovanissimi verso il mondo del lavoro.

“Good Game” è una Brand Experience a 360° basata su contenuti formativi pensati appositamente per i Gamer. I tornei di Fifa 22, Fortnite e Clash Royale saranno animati dal Casting di tre talent d’eccezione (Riberaribell, Kroatomist e Piazz). I partecipanti avranno l’opportunità di mettersi in gioco, migliorare le proprie abilità di tattica e strategia, produrre contenuti di valore e sviluppare competenze di leadership, relazione interpersonale e gestione dello stress. Questi fattori possono sia favorire la consapevolezza di doti innate e inclinazioni personali, sia potenziare quelle competenze che rendono un candidato particolarmente appetibile sul mercato.

Gi Group metterà in palio per tutti i partecipanti attivi e passivi un video colloquio di orientamento con un recruiter di filiale, per i ventisei finalisti dei tre tornei un percorso di Career Coaching “Boosta la tua carriera” con un esperto di Intoo, la società di Gi Group leader nei servizi di sviluppo e transizione di carriera, volto alla definizione del proprio futuro professionale. I tre vincitori si aggiudicheranno inoltre una poltrona da gaming NACON.

Per maggiori informazioni: https://www.gigroup.it/good-game/

«Il mondo del lavoro e il Gaming sono due ambiti molto più affini di quanto si pensi. A confermarlo, lo sviluppo e il consolidamento di determinate Soft Skill, maturate “In Game”, che si dimostrano poi elementi distintivi per l’ingresso e il successo dei futuri professionisti nel mondo del lavoro. Basti pensare a competenze come il lavoro di squadra, la gestione dello stress, la definizione di una strategia o la leadership. Inoltre, nuove professioni si stanno affermando (anche grazie alla crescita esponenziale del mercato del Gaming nel nostro Paese) offrendo numerosi sbocchi occupazionali per i più giovani, che possono così unire passione ed esperienze professionali» – commenta Elena Sensi, Direttore Marketing di Gi Group – «Quando parliamo di orientamento spesso e volentieri ci riferiamo al periodo di crescita dei ragazzi, durante il quale è importante approfondire tematiche necessarie allo sviluppo dei propri obiettivi futuri. Il fine di questa iniziativa è proprio quello di supportare i professionisti del futuro nell’individuazione di opportunità professionali con un linguaggio loro vicino, quello del gioco; da qui il claim “Boosta il tuo futuro”. Siamo quindi orgogliosi di annunciare la nostra collaborazione con 2WATCH».

«Crediamo fortemente che i videogiochi possano contribuire allo sviluppo di capacità e competenze che i giovani potranno offrire nel mercato del lavoro» – afferma Fabrizio Perrone, CEO di 2WATCH – «ormai giocare ai videogame non è più un semplice hobby ma una condizione in cui l’utente sviluppa rapporti sociali, interagisce con dinamiche evolute spesso in lingua straniera, crea una propria identità e autorità verso il gruppo di compagni di gioco e si misura contro prove sempre più difficili. Siamo entusiasti della partnership con Gi Group che ci ha permesso di offrire alla nostra audience delle possibilità concrete per migliorare il loro futuro professionale».

Ti potrebbe interessare
Interviste / Intervista al chirurgo plastico Luca Piombino
Interviste / THAT Aviation e il suo impegno nei confronti della popolazione ucraina
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Ti potrebbe interessare
Interviste / Intervista al chirurgo plastico Luca Piombino
Interviste / THAT Aviation e il suo impegno nei confronti della popolazione ucraina
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Interviste / PLB, alla scoperta dei gamer
Interviste / Allarme buche sull’asfalto: “Il problema è nella manutenzione”
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Interviste / Linking Agency, come si costruisce la Web Reputation di un brand
Cronaca / Il sindaco di Lampedusa a TPI: "Salvini ora è al Governo, ci aiuti anziché fare propaganda"