Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Come avere la pancia piatta e tonica con l’intervento di addominoplastica

Immagine di copertina

L’addominoplastica è uno tra gli interventi di chirurgia plastica più richiesti, specialmente da persone che presentano un accumulo di grasso sulla pancia che non si riesce a eliminare nonostante dieta e allenamento, oppure pelle cadente, risultato magari di dimagrimenti repentini e non graduali, ma anche da donne che vogliono ripristinare lo “status quo” del proprio corpo, a seguito di gravidanze, essendo quella descritta prima una tipica situazione post-parto.

Abbiamo chiesto al Dr Luca Piombino, Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, di spiegare come si svolge l’intervento di addominoplastica.

Dottor Piombino, quando si ricorre all’addominoplastica?

L’intervento di addominoplastica è indicato in ogni caso in cui si abbia un addome pendulo, con tessuto in eccesso. Attraverso questa procedura è possibile eliminare la pelle in eccesso, correggere la diastasi dei muscoli retti e, se abbinata ad una liposuzione dei fianchi, anche il grasso in eccedenza. In questo modo, il ventre viene nuovamente definpioito e la parete addominale rinforzata grazie alle tecniche di sutura utilizzate.

A chi è adatto questo intervento?

E’ adatto a chiunque presenti grasso in eccesso e/o lassità della parete addominale, alle donne che desiderano correggere la diastasi dei muscoli retti sorta a seguito di una o più gravidanze e anche a chi desidera migliorare inestetismi cutanei quali cicatrici e smagliature nel ventre.

Come si svolge l’addominoplastica?

L’intervento si svolge in anestesia generale e ha una durata variabile tra le due e le tre ore. Cercando di semplificare il più possibile l’iter, si parte con un’incisione trasversale al di sopra del pube, si procede con lo scollamento della parete addominale, all’isolamento dell’ombelico e alla plicatura dei muscoli retti, per correggere la diastasi addominale. Si prosegue, poi, con la trazione verso il basso della parete addominale, con la resezione del tessuto in eccesso e la sutura dei margini. L’intervento si conclude con il riposizionamento dell’ombelico.

Come avviene la correzione della distasi dei muscoli retti?

La diastasi addominale viene corretta attraverso l’avvicinamento, mediante sutura, dei margini muscolari lungo la linea mediana.

Le cicatrici residue sono molto grandi?

Solitamente, le cicatrici sono due, una lunga e trasversale sopra al pube, che può essere facilmente nascosta dallo slip, e una attorno all’ombelico. In ogni caso, se trattate in modo corretto, le cicatrici con il passare del tempo tendono a schiarirsi, diventando quasi impercettibili.

Cosa consiglia a chi desidera sottoporsi a questo intervento?

Suggerisco di affidarsi sempre ad un chirurgo plastico, ricostruttivo ed estetico abile e preparato, con esperienza e una casistica di interventi sufficiente a poter garantire risultati validi e duraturi nel tempo.

Ovviamente, nel sottoporsi a questo tipo di interventi per ritrovare confidenza con il proprio corpo, senza più la sensazione di costante disagio, non c’è affatto nulla di male. Tuttavia, è sempre bene tenere a mente che un intervento chirurgico di questo tipo non può e non deve essere considerato dal paziente come una mera “scorciatoia” per perdere peso: infatti, per ottenere effetti estetici benefici e duraturi, a volte può anche essere sufficiente modificare il proprio stile di vita, adattandolo ad una quotidianità più sana ed equilibrata, oppure ricorrere all’allenamento e allo sforzo fisico, anche facendosi aiutare, in entrambi i casi, da professionisti del settore, come un dietologo o anche “solo” un personal trainer.

L’addominoplastica non deve trasformarsi in una via più breve e meno faticosa per raggiungere il risultato sperato, ma deve rimanere un’opzione da prendere in considerazione, laddove le altri opzioni non si dovessero rivelare sufficienti.

Ti potrebbe interessare
Interviste / Intervista al dottor Luca Piombino sul face contouring
Interviste / Intervista al chirurgo plastico Luca Piombino
Interviste / THAT Aviation e il suo impegno nei confronti della popolazione ucraina
Ti potrebbe interessare
Interviste / Intervista al dottor Luca Piombino sul face contouring
Interviste / Intervista al chirurgo plastico Luca Piombino
Interviste / THAT Aviation e il suo impegno nei confronti della popolazione ucraina
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Interviste / “Good Game, Boosta il tuo futuro!”: l’iniziativa di Gi Group che unisce eSport, Gaming e mondo del lavoro
Interviste / PLB, alla scoperta dei gamer
Interviste / Allarme buche sull’asfalto: “Il problema è nella manutenzione”
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè