Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Interviste

Intervista al chirurgo plastico Luca Piombino

Immagine di copertina

Negli ultimi anni si è registrato un boom della richiesta di interventi estetici. L’acuirsi di tale fenomeno potrebbe probabilmente dipendere anche dall’elevato e contestuale incremento di strumenti quali, ad esempio, le videocall, che da ormai un paio d’anni (ossia, dall’inizio della pandemia e del conseguente lockdown) scandiscono la quotidianità lavorativa dei professionisti. La diffusione dello smart working, pertanto, ha finito paradossalmente per accentuare e porre sotto una virtuale lente d’ingrandimento tutti i possibili difetti estetici (reali o percepiti) delle persone, che, di fronte al proprio monitor, hanno cominciato a dover sostenere un nuovo tipo di pressione: quella, cioè, relativa al proprio aspetto fisico, soprattutto facciale.

Ad ogni modo, resta il fatto che, sempre più spesso, uomini e donne di varie età si sottopongo a trattamenti di medicina estetica o ad interventi veri e propri al fine di correggere alcuni difetti o, molto più semplicemente, anche “solo” per migliorare la percezione che hanno di loro stessi. Abbiamo pertanto chiesto un’opinione in merito al dottor Luca Piombino, specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, che vanta anni di esperienza nel settore, in Italia e all’estero.

Dottore, secondo lei perché negli ultimi anni c’è stato un aumento di richieste in ambito di medicina estetica e chirurgia plastica?
Sicuramente perché la chirurgia è stata sdoganata e non viene più vista come un taboo o un segreto da nascondere. Se prima poteva essere un demerito ricorrere alla chirurgia, oggi invece viene percepita come normale e routinaria.

Quali sono gli interventi più richiesti?
A livello di chirurgia plastica, sicuramente la mastoplastica additiva, l’aumento del seno tramite l’inserimento di protesi, anche se, a differenza di qualche anno fa, oggi le pazienti vogliono un seno grande ma sempre naturale e non esagerato. I pazienti più maturi, invece, richiedono molti lifting e mini lifting per contrastare l’invecchiamento e i segni del tempo.

E i trattamenti di medicina estetica?
In medicina estetica è sempre più richiesta l’armonizzazione del viso tramite filler: si tratta di combinare diverse procedure mediche e diversi tipo di filler per donare armonia globale al viso. E’ un trattamento altamente personalizzato perché va a migliorare determinati punti di ogni viso, senza per forza stravolgere la persona.

Anche gli uomini si sottopongono a interventi chirurgici?
Assolutamente si, anche se forse in percentuale leggermente minore rispetto alle donne. Diciamo che tra le procedure più richieste dagli uomini c’è la rinoplastica e la definizione della linea
mandibolare, entrambe volte a migliorare il profilo. La jawline defintion (definizione della mandibola) è un trattamento di medicina estetica, eseguibile attraverso filler, volto a dare maggiore definizione e mascolinità alla parte inferiore del viso.

Cosa consiglierebbe a un uomo o donna che volesse sottoporsi a un intervento chirurgico?
Di affidarsi solo a specialisti in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica competenti, di informarsi sempre sulla loro esperienza e casistica di interventi. Un intervento sbagliato può essere poi molto difficile da correggere.

Considerato il vasto mercato, come si fa a scegliere lo specialista migliore?
Informandosi sulla sua formazione e sulle sue esperienze precedenti. I rischi per i pazienti che si affidano a chirurghi inesperti possono essere molteplici perché spesso i medici non specializzati usano prodotti di scarsa qualità o tecniche in modo non adeguato. Non è raro che il paziente sia costretto a rivolgersi a un esperto per un intervento riparatore.

Ti potrebbe interessare
Interviste / THAT Aviation e il suo impegno nei confronti della popolazione ucraina
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Interviste / “Good Game, Boosta il tuo futuro!”: l’iniziativa di Gi Group che unisce eSport, Gaming e mondo del lavoro
Ti potrebbe interessare
Interviste / THAT Aviation e il suo impegno nei confronti della popolazione ucraina
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Interviste / “Good Game, Boosta il tuo futuro!”: l’iniziativa di Gi Group che unisce eSport, Gaming e mondo del lavoro
Interviste / PLB, alla scoperta dei gamer
Interviste / Allarme buche sull’asfalto: “Il problema è nella manutenzione”
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Interviste / Linking Agency, come si costruisce la Web Reputation di un brand
Cronaca / Il sindaco di Lampedusa a TPI: "Salvini ora è al Governo, ci aiuti anziché fare propaganda"