Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Arrestato a Napoli il boss di Camorra Marco Di Lauro: era il secondo latitante più pericoloso d’Italia

Il 38enne era ricercato per associazione di tipo mafioso e per altre accuse

Di Anna Ditta
Pubblicato il 2 Mar. 2019 alle 16:52 Aggiornato il 2 Mar. 2019 alle 17:00
0
Immagine di copertina
Marco Di Lauro, boss della Camorra

Arresto Marco di Lauro | Il boss della Camorra, Marco Di Lauro, è stato arrestato oggi sabato 2 marzo a Napoli dalla polizia. Era l’ultimo dei figli di Paolo Di Lauro, protagonista della faida di Scampia, ancora libero.

Marco Di Lauro era latitante dal 2004, quando sfuggì a un maxi blitz che passerà alla storia giudiziaria come la “notte delle manette”.

Arresto Marco di Lauro | Era soprannominato il “boss invisibile”. È stato catturato dalla polizia in via Emilio Scaglione, a Chiaiano.

Di Lauro, oggi 38 anni, è il secondo latitante più pericoloso d’Italia; nella lista del ministero dell’Interno viene subito dopo Matteo Messina Denaro.

Dal 2006 era ricercato anche in campo internazionale e nel 2013 era finito nel mirino degli Stati Uniti.

Nel 2010, un collaboratore di giustizia ha indicato Marco Di Lauro come mandante di 4 omicidi. Era ricercato per associazione di tipo mafioso e per altre accuse.

Nato a Napoli e cresciuto all’ombra del padre Ciruzzo ‘o Milionario, Marco di Lauro avrebbe preso il potere dopo l’arresto del capoclan e dei fratelli. Secondo gli inquirenti stava ricompattando il clan, sfruttando anche lo sgretolamento del cartello che era nato dalla scissione dei Di Lauro.

Arresto Marco di Lauro | “Catturato il superlatitante di camorra Marco Di Lauro, grazie a un’operazione congiunta di Polizia e Carabinieri. Complimenti alle forze dell’ordine, che dopo l’arresto di un terrorista algerino dell’Isis mettono a segno un’altra operazione importantissima. Nessuna tregua ai criminali”.

Con queste parole ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.