“Guardo in faccia la parte più nera dell’adolescenza”: Daniele Silvestri racconta “Argento vivo”

Il cantante romano sale sul palco dell'Ariston e non delude: il testo impegnato, cantato insieme al rapper Rancore, scava dentro il buco nero dell'adolescenza

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 8 Feb. 2019 alle 14:48 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:28
0
Immagine di copertina
Daniele Silvestri. Credit: getty Images

Sale sul palco dell’Ariston e non delude, Daniele Silvestri. Le aspettative erano altissime e il cantante romano riesce a soddisfarle e, anzi, ad andare oltre. Insieme al rapper Rancore, Silvestri presenta agli italiani Argento vivo, la storia complessa di un’adolescenza come tante. Complessa, appunto.

Silvestri e Rancore ci entrano dentro, trapassano la vita di un adolescente e la raccontano al pubblico dell’Ariston. Al centro delle problematicità che raccontano i due artisti si scorge nitida l’ombra dell’incomunicabilità: quella tra il mondo dei ragazzi e quello, sempre troppo lontano, degli adulti.

In un’intervista rilasciata a Rolling Stone alla vigilia del festival della musica italiana, Daniele Silvestri ha spiegato come nasce Argento vivo. Il cantante ha rivelato che cosa ci fosse dietro l’esigenza di raccontare l’adolescenza e di farlo con i toni crudi e spietati che utilizza nella sua canzone.

LEGGI ANCHE: Le frasi più belle delle canzoni di Sanremo 2019

“Ci sono due motivi contemporanei molto evidenti. Il primo è che sono genitore di tre figli, di cui due adolescenti, di 15 e 16 anni”. Essere padre è stato uno stimolo importante, imprescindibile per il Silvestri artista, che sceglie così di scavare dentro il mondo di chi vive sotto il suo stesso tetto e che a volte sembra così distante.

La seconda motivazione, invece, arriva direttamente dai suoi sostenitori. Artista curioso e intraprendente, Silvestri ha chiesto ai suoi fan se ci fosse una tematica da raccontare che sentissero particolarmente urgente. “Molti chiedevano un discorso rivolto all’adolescente di oggi o volevano sentir parlare dell’adolescente di oggi”, ha detto Silvestri a Rolling Stone.

“La cosa che ho pensato fosse più forte era quella di entrarci dentro, nel momento più scuro. Guardo in faccia la parte più nera”, ha aggiunto ancora Silvestri.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2019, tutti gli ospiti della 69esima edizione del Festival della canzone italiana

Portare Argento Vivo su quel palco non è stata cosa semplice, per Silvestri: “È stato difficile volerla fare ascoltare e farlo su quel palco, a quel festival. Io, i figli, ce li ho veramente e mi sono chiesto se stessi rubando qualcosa a loro per commercializzarlo”.

Silvestri alla 69esima edizione del festival porta un testo decisamente impegnato. Torna con un rap fluido e racconta la storia di un ragazzino alle prese con le difficoltà della vita e di un mondo adulto così cieco nei suoi confronti. E lo fa magistralmente. [Qui il testo di Argento vivo]

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.