Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

Stress da città? Arrivano i sacchi da boxe a portata di sfogo

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 6 Giu. 2019 alle 14:25 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:36
0
Immagine di copertina

Sacchi boxe strada stress

Una macchina che vi taglia la strada sulle strisce pedonali o un viaggio in metro da terzo mondo stipati come bestie o altre mille sfide zen.

Chi abita in città sa quanta calma ci voglia per affrontare lo stress quotidiano senza dare di matto.

Quanto sarebbe bello avere una valvola di sfogo pronta all’uso, come dei sacchi da boxe a ogni angolo delle strade?

Stress boxe strada
Credit: donttakethisthewrongway/ Instagram

Sacchi boxe strada stress | Public punching bag a Manhattan

Un sogno che può diventare realtà. Lo studio di design donttakethisthewrongway ha installato per le strade di Manhattan dei maxi sacchi da boxe pubblici in occasione della New York City Design Week 2019.

Nemmeno a dirlo, l’esperimento ha incassato subito un gran successo: la gente spesso e ben volentieri si è avvicinata ai “public punching bag” per sferrare un colpo e sfogare così la rabbia.

Stress box strada
Credit: persnicketyfox/ Instagram

Non si tratta di istigazione alla violenza, ma di metodi alternativi per sfogare la tensione che spesso chi vive in città è costretto a portarsi a casa la sera senza possibilità di replica.

Sacchi boxe strada stress | Un modo per sfogare le emozioni represse

Come ribadiscono i designer su Instagram, “i sacchi da boxe pubblici sono un modo per sfogare le proprie emozioni in modo da sviluppare un approccio verso la collettività più salutare”. Ora non resta che sperare che il progetto grandioso travalichi l’oceano e arrivi anche nelle nostre città. Gli italiani sarebbero prontissimi ad accoglierlo a braccia aperte. Anzi, col pugno pronto per sferrare un gancio.

Lo stress da lavoro è stato inserito nell’elenco dei disturbi medici dell’Oms

Caffè mon amour: 25 tazzine al giorno non fanno male alla salute

“Locali per pensare”, ecco dove prendere un caffè senza essere martellati da musica o tv

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.