Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

L’irriverente risposta della scrittrice di Harry Potter a un tweet di Donald Trump

In una serie di tweet il presidente statunitense aveva cercato di scaricare le responsabilità del Russiagate sui democratici e su Hillary Clinton

Di Giuseppe Loris Ienco
Pubblicato il 31 Ott. 2017 alle 17:21 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 19:39
0
Immagine di copertina

J.K. Rowling, scrittrice britannica nota soprattutto per essere l’ideatrice della fortunatissima saga di Harry Potter, non è mai stata una grande fan del presidente statunitense Donald Trump e non hai mai fatto molto per nasconderlo, soprattutto sui social.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

In un tweet pubblicato sul suo account ufficiale lo scorso 29 ottobre, Rowling si è divertita a prendere in giro il tycoon newyorkese, che lo stesso giorno aveva lanciato su twitter una lunga serie di dure accuse e critiche nei confronti dei democratici e della ex candidata alla Casa Bianca Hillary Clinton, indicati implicitamente come i veri promotori dell’inchiesta sulle sospette interferenze russe nella campagna per le presidenziali del 2016.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Questa la traduzione del parere espresso da Trump nei quattro tweet qui sopra riportati: “Non ho mai visto tanta rabbia e unità da parte dei repubblicani come quelle espresse nei confronti della mancanza di indagini relative ai milioni spesi da Hillary Clinton in dossier falsi, sull’accordo per l’uranio con la Russia, sulle 33mila email cancellate, sul caso Comey e su tanto altro. Invece si preferisce indagare sulla collusione fasulla tra Trump e la Russia che non è mai esistita. I democratici stanno facendo ricorso a questa terribile (e dannosa per il nostro paese) caccia alle streghe per promuovere le loro pessime politiche, ma i repubblicani stanno rispondendo a ogni colpo come mai fatto prima. Sono tante le colpe dei democratici e di Hillary Clinton e adesso i fatti stanno cominciando a uscire fuori. FACCIAMO QUALCOSA!”

Parole molto pesanti, nelle quali Donald Trump ha cercato di scaricare responsabilità sui suoi avversari politici nonostante i preoccupanti sviluppi delle indagini del Russiagate, con due sue ex collaboratori, Paul Manafort e Rick Gates, incriminati per aver cospirato contro gli Stati Uniti.

J.K. Rowling deve aver colto un certo livello di preoccupazione da parte di Trump, scherzando sul frequente utilizzo di slogan scritti in caratteri maiuscoli da parte del presidente statunitense:

“Niente esprime serenità meglio di un ‘FACCIAMO QUALCOSA!’ urlato in caratteri maiuscoli”: una risposta tanto breve quanto efficace.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.