Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

“Vi racconto la mia Shallow”: il pianista italiano svela il dietro le quinte con Lady Gaga e Bradley Cooper

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 27 Feb. 2019 alle 17:37 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:51
0
Immagine di copertina

C’è un pianista italiano da Oscar, grazie alla canzone Shallow.

Alberto Bof è un pianista e produttore musicale genovese che vive e lavora a Los Angeles. Oltre ad apparire nel film “A Star Is Born” come pianista della band di Jack, il cantante interpretato da Bradley Cooper, Alberto Bof ha contribuito alla stesura di cinque brani della colonna sonora, incidendo in particolare Black Eyes e Digging My Grave.

Tra le canzoni suonate da Bof nel film c’è anche Shallow, che si è aggiudicata l’Oscar come miglior canzone, e che è diventata oggetto di pettegolezzi e commenti virali per l’appassionata esibizione live durante la notte delle statuette: un duetto pieno di feeling tra Lady Gaga e Bradley Cooper.

Il pianista italiano li ha conosciuti durante le riprese del film, raggiungendo un rapporto di confidenza e stima. Alberto vive in California, in una bellissima villa vicino al mare. “Le mie passioni principali sono la musica e il surf”, spiega in un’intervista a RepubblicaTV.

Un po’ un bambino prodigio: “Ho inziato a tre anni a suonare, a otto ho fatto il primo concorso nazionale. A 11 sono entrato al conservatorio”, racconta.

La collaborazione per “A Star is born” è nata grazie all’amicizia tra il pianista e Lucas Nelson, figlio di  di Billy Nelson, “il Celentano della musica country”, come lo chiama Alberto.

Quando spiega il momento in cui lo hanno ingaggiato, Alberto si emoziona: “Ero al cinema con un paio di amici, esco dal cinema e trovo dei messaggi di Lucas che mi dice di essere con Gaga a East West Studio, e di andare lì perché dovevamo registrare una roba. Non potevo lasciarmela scappare: sono andato subito e ho conosciuto Lady Gaga e Bradley Cooper. Di punto in bianco mi sono ritrovato nell’avventura”.

“Dopo un paio di mesi di registrazione in studio, Bradley ha detto: ‘Io non voglio attori nel film, voglio musicisti veri. Perché non venite voi?’ Tutti ci siamo esaltati. Due giorni dopo abbiamo girato la scena a Coachella in quella scena viene cantata Shallow”, continua il pianista.

Quella volta si trattava di un concerto vero. “Abbiamo iniziato alle 11 di sera e alle 3 era un freddo incredibile, nel palco nel film ci vedi con la magliettina sudati ma in realtà ogni ciak ci fermavamo, ci mettevano dei piumoni giganti addosso”, ricorda Alberto Bof.

Secondo il musicista italiano, “il momento più bello è stato quando è arrivato lui, nessuno si aspettava Baradley Cooper sul palco, lui si è presentato e ha detto che da quel momento iniziavano le riprese per Shallow. Nel film non si vede niente di finto, lui entrava davvero a fare questi live. Anche la scena finale. E la gente si esaltava con lui e Lady Gaga insieme”.

Tutto il mondo sta continuando ad esaltarsi per questa strana e bellissima coppia musicale.

> LEGGI ANCHE: Lady Gaga e Bradley Cooper duettano alla notte degli Oscar, Mel B: “Violato il codice tra donne”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.