Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

16enne campione di Fortnite lascia la scuola per allenarsi. Il padre: “Guadagneremo milioni”

Immagine di copertina
Jordan Herzog. Credits: Craig F. Walker/GLOBE STAFF

Il padre di un 16enne molto bravo a giocare a Fortnite ha ritirato il figlio da scuola per farlo diventare campione di fama mondiale.

Non è la prima volta che un genitore crede così tanto nel talento dei propri figli da investire la propria vita nella realizzazione del loro successo.

In tante discipline e sport, dal tennis al calcio, spesso dietro un campione di fama mondiale si cela lo zampino di un genitore. I campioni, insomma, non nascono proprio per miracolo.

È il caso della campionessa di tennis Serena Williams, quasi costretta fin da piccola insieme alla sorella Venus ad allenarsi sul campo per volere del padre Richard, che aveva studiato a tavolino il modo per avere successo.

Succede anche per i videogiochi. A Subdury, una città dell’Ontario, in Canada, David Herzog ha ritirato il figlio da scuola per farlo diventare campione di Fortnite, il videogioco del 2017 in cui i giocatori si scontrano in battaglie virtuali per salvare il mondo dall’apocalisse o sopravvivere su un’isola.

Jordan Herzog ora ha 16 anni ma gioca alla Play Station da quando ne ha sette e, avendo dimostrato di essere un campione da milione di dollari – a 12 anni ha vinto la sua prima competizione, portando a casa 2 mila dollari, e fino a questo momento ha guadagnato un totale di 60 milioni di dollari – ha indotto il padre a investire completamente nel suo futuro da campione di Fortnite.

David ha dichiarato al quotidiano statunitense Boston Globe di averlo “allevato per questo” e di avere un programma preciso per il figlio, che condurrà la famiglia alla fama e al successo.

Ovviamente, il programma non si realizzerà a scuola. È da ormai un anno che Jordan ha abbandonato la Lincoln High School di Subdury per dedicarsi esclusivamente alla sua carriera di campione, e adesso trascorre dalle quattro alle otto ore al giorno su un portale online ad allenare il suo personaggio virtuale. Parla poco, consuma i pasti in camera, trascorre il tempo in tuta e indossando un paio di sneakers.

Ma il campione di Fortnite non sta solo coltivando il sogno di ogni adolescente, ovvero quello di non studiare e spendere tutto il giorno a giocare alla Play Station, si sta preparando a non dover fare altro  per tutta la vita, e dunque a non dover cercare un altro tipo di lavoro per guadagnarsi da vivere.

“Voglio guadagnare abbastanza soldi da non dover lavorare per tutta la vita” dichiara Jordan al Boston Globe.

Per suo padre David, il progetto rappresenta anche più di questo. David sta preparando la strada di Jordan per ottenere ritorni più importanti: fama, prestigio e dei guadagni che un giorno potrebbero diventare miliardi. Il padre di Jordan è convinto che è solo questione di tempo.

Quando il sogno di Fortnite diventerà una vera realtà, afferma David, non sarà il frutto di una coincidenza, ma la realizzazione di un progetto preciso, a cui ha iniziato a lavorare più di 10 anni fa.

Fortnite | Il progetto del padre e l’esordio del figlio campione

“Ho messo un joystick nelle sue mani quando aveva 3 anni, e dal primo momento mi è sembrato avesse un dono”, racconta Jordan al Globe.

E infatti, a 7 anni, David era il maestro del video gioco “Halo”, e a 12 ha vinto due mila dollari in un evento a Boston, sbaragliando la concorrenza di giocatori più adulti.

In quel momento il padre David ha iniziato a guardare al futuro, e a sviluppare la sua idea, proprio negli anni in cui giochi di ruolo come “Super Mario Bros” stavano diventando sempre più popolari in America e nel mondo. L’anno scorso il ritiro da scuola. All’inizio la madre ha protestato, ma non è riuscita ad opporsi alla determinazione dei due.

Addio alla matematica e alla scienza, dunque, per il piccolo Jordan. Solo un pollice opponibile, intuito, velocità, e occhi allenati a fissare lo schermo. Come un campione.

Dipendenza da Fortnite: il problema sta diventando serio
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision