Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Fiorella Mannoia: “Obama ha fatto bene a rifiutare un selfie con Fedez”

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 22 Feb. 2019 alle 10:12 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:55
0
Immagine di copertina

Per Fiorella Mannoia, l’ex presidente degli Stati Uniti ha fatto bene a rifiutare un selfie con Fedez. Il riferimento è alla vicenda raccontata su Instagram dal rapper milanese: a San Francisco per motivi di lavoro, il disco di platino per Paranoia Airlines ha incontrato in palestra Barack Obama e ha chiesto all’ex inquilino della Casa Bianca di scattarsi una foto insieme. Obama ha rifiutato e, secondo la cantante romana, ha fatto bene.

La risposta del marito di Chiara Ferragni non si è fatta attendere: “Ieri ho semplicemente raccontato una storia di chiaro stampo ironico, che a chiunque fosse successa l’avrebbe raccontata. È stata ripresa da tutte le testate online e riportata come una notizia di rilievo. La cosa che mi stupisce di più sono le persone che perdono tempo a insultarmi su una storia raccontata in modo semplice e simpatica”.

Non solo: “Fiorella Mannoia, un’artista a suo modo impegnata, ci ha tenuto a dire che Obama ha fatto bene a dirmi di no a fare la foto. Come se io mi fossi offeso, ma l’ho raccontata col sorriso. Fiorella, scegliti meglio le tue battaglie, perché questa è una causa persa. Sono le persone come te che leggono queste notizie e le commentano che danno vita a questi genocidi dell’informazione”.

La vicenda – Negli Stati Uniti per partecipare alla presentazione del primo smartphone pieghevole progettato da Samsung, Fedez ha incontrato in palestra a San Francisco Barack Obama.

Era sulla cyclette e il rapper ha chiesto all’ex presidente di farsi un selfie con lui. Una richiesta non gradita, visto che il democratico ha rifiutato. “Sorry, can I take a picture with you?’. Lui mi guarda, con questo sorriso da presidente americano e mi dice: ‘No'”, ha raccontato su Instagram.

“La storia è questa, stamattina mi sveglio alle 8 di mattina, vado in palestra, mi metto sul tapis roulant e inizio a correre, guardo di fianco a me e c’è Obama che fa la cyclette. E il mio istinto di italiano non mi ha tradito, perché la prima cosa che mi è venuta da fare era quella di prendere il cellulare e urlare ‘foto, foto, foto!’. Però ho aspettato, ho trattenuto la mia italianità, ho aspettato che si mettesse a fare la panca di fianco a me, dicendomi ‘hey man, good morning'”.

“Questa è un po’ la cosa bella dell’America, che ti possono succedere cose come queste. Mentre in Italia il massimo che può accadere è trovarti di fianco a Toninelli che fa spinning o trovare Salvini che fa il vocalist a Jesolo, che non è neanche così tanto improbabile”, ha aggiunto il rapper.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.