Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

A Bologna si celebra l’Error Day, la giornata mondiale dell’Errore: “Venite e sbagliatevi tutti”

Immagine di copertina
Error Day, Bologna, 4-5 maggio 2019

Sbagliare è umano, perseverare è bolognese: a Bologna, è tempo di Error Day, lo spettacolo comico che andrà in scena presso l’oratorio San Filippo Neri sabato 4 maggio e domenica 5. Lo slogan, scelto dall’organizzatrice Clelia Sedda è eloquente: “Venite e sbagliatevi tutti”.

Su Il Fatto Quotidiano, Clelia Sedda, che è anche docente  universitaria e attrice comica, spiega il senso di questo evento fuori dall’ordinario, che si pone l’obiettivo di celebrare ciò che solitamente e naturalmente tendiamo a stigmatizzare: lo sbaglio, l’inciampo.

Bologna, “un porto senza mare”: ecco come la città emiliana riflette sull’integrazione

“L’errore è parte della nostra condizione umana, non un limite momentaneo superabile una volta per tutte, ma un ineludibile risvolto dell’esistenza”, spiega la professoressa. “Il vagare, che ci vede impegnati per tutta la vita nel compito di diventare esseri umani, ci mostra l’errore insito in questa ricerca, che non ha mai nulla di garantito in via definitiva e ci segna come esseri vulnerabili e fallibili”.

Per questo, continua Clelia Sedda, c’è bisogno dell’Error Day, per esorcizzare la naturale avversione che ognuno di noi ha per il fallimento “simulando l’adorazione”.

Lo spettacolo non avrà solo la funzione di celebrare l’errore in sé, ma anche quello di riflettere sulla sua accezione nel campo dell’educazione. “Quello dell’educazione è un tema urgente per il quale non esiste una verità, ma una serie infinita di problemi”, spiega ancora l’attrice comica.

“Questa Europa è un Inferno, diventi un Paradiso”: lo slogan di Dante, candidato della Lega

Attraverso i vari temi che verranno toccati durante l’Error Day si vuole fare passare un messaggio preciso: “Molto spesso la felicità è semplicemente l’assenza di dolore. Quando abbiamo avuto mal di pancia poi siamo felici solo per il fatto che ci sia passato. Ecco: la scuola dovrebbe assumersi anche la responsabilità di ‘far soffrire’ gli studenti perché è una illusione che si possa raggiungere un risultato senza qualche sforzo”.

“Avremo così studenti felici all’uscita dalla scuola, o perlomeno preparati ai dolori futuri”, conclude la docente.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision