Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

“Corona potrebbe suicidarsi”, Nina Moric furiosa risponde al chirurgo dei vip

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 19 Apr. 2019 alle 10:29 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:56
0
Immagine di copertina
Fabrizio Corona. Credit: Instagram/Fabrizio Corona

Il chirurgo dei vip ha commentato la situazione di Fabrizio Corona in carcere. Giacomo Urtis è convinto che l’ex re dei paparazzi non starebbe passando un bel periodo e che stavolta le sbarre starebbero avendo su di lui un effetto particolarmente negativo.

“Liberatelo, potrebbe suicidarsi”, ha detto qualche giorno fa il chirurgo plastico. A rispondere a Giacomo Urtis è stata l’ex moglie del fotografo dei vip. Nina Moric, infatti, non è affatto d’accordo con quanto affermato dal medico e così ha detto la sua.

Ma Nina Moric, ex moglie dell’agente fotografico, non ci sta e ha ribattuto duramente alle dichiarazioni di Urtis. In una serie di storie pubblicate sul suo account Instagram, la modella croata ha detto la sua, prendendo le difese del suo ex marito e sparando a zero contro il medico: “Non credete a chi spara cazzate tipo Urtis che dice che potrebbe suicidarsi, sono cazzate che dicono giusto per far parlare gli idioti”, ha detto la modella croata, che fa sapere anche che sa che l’ex marito avrebbe un po’ di influenza, ma psicologicamente starebbe bene.

Fabrizio Corona è stato arrestato lo scorso 25 marzo. I carabinieri lo hanno prelevato a casa e accompagnato nel carcere di San Vittore dopo che il magistrato di sorveglianza Simone Luerti ha sospeso l’affidamento terapeutico che gli era stato assegnato per curarsi dalla dipendenza dalla cocaina.

La decisione del magistrato è arrivata a causa delle diverse violazioni che l’ex re dei paparazzi avrebbe commesso negli ultimi mesi, comparendo in tv ripetutamente e allontanandosi dalla Lombardia nonostante le disposizioni del giudice.

Fabrizio Corona: tutto quello che c’è da sapere sull’ex re dei paparazzi

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.