Nuovo processo per Fabrizio Corona: non paga gli assegni per il mantenimento del figlio avuto con Nina Moric

Di Antonio Scali
Pubblicato il 22 Feb. 2019 alle 18:11 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:55
0
Immagine di copertina

CORONA PROCESSO SOLDI FIGLIO – Nuovi guai per Fabrizio Corona. L’ex re dei paparazzi, infatti, è di nuovo a processo. Questa volta però non c’è di mezzo la sua attività o le star con le quali è venuto a contatto, bensì la sua famiglia. Corona tra il 2014 e il 2015 non avrebbe pagato gli alimenti per il mantenimento del figlio Carlos Maria.

Si tratta del figlio nato dalla relazione con Nina Moric e al quale spetta un assegno da 4500 euro mensili. Il periodo durante il quale Corona non avrebbe versato i soldi per il mantenimento è di circa un anno, dall’aprile 2014 all’aprile 2015. In totale il valore degli assegni non versati ammonterebbe a circa 100mila euro.

Le indagini a carico di Fabrizio Corona sono partite nel 2017, dopo la denuncia dell’ex moglie Nina Moric. Ora, dopo la fine delle indagini preliminari, la procura di Milano ha mandato a processo con citazione diretta a giudizio il 44enne di origine catanese.

Il Tribunale del capoluogo lombardo ha fissato la prossima udienza per la primavera, per violazione degli obblighi di assistenza familiare. C’è da dire che nel 2017, quando Nina Moric ha sporto la prima denuncia, i rapporti con Fabrizio Corona erano davvero tesi.

In seguito i due coniugi hanno trovato maggiore serenità, accordandosi anche per l’affidamento congiunto di Carlos Maria, diventato ormai adolescente. Una pace che i due vip hanno sancito davanti alla Corte di Appello di Milano, e che anche in questo caso potrebbe aiutare a trovare un’intesa.

Non è da escludere, infatti, che l’ex re del gossip e la modella croata possano accordarsi economicamente prima dell’inizio del processo di primo grado, che dovrebbe partire nei prossimi mesi. Un accordo, frutto anche della pace trovata tra i due ex coniugi, che eviterebbe a Fabrizio Corona un nuovo dibattimento in Tribunale, questa volta per violazione degli obblighi di assistenza familiari.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.