Alessandro Borghi contro Viagogo: “Non comprate da loro. Sono parassiti”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 9 Ott. 2019 alle 19:00
30
Immagine di copertina
Alessandro Borghi

Alessandro Borghi contro Viagogo: “Non comprate da loro, sono parassiti”

Alessandro Borghi si scagliato contro Viagogo, il celebre sito per la rivendita di biglietti online. L’attore romano ha raccontato su Instagram di avere comprato dal rivenditore dei ticket per un concerto a Londra e di avere speso per ogni singolo biglietto circa 200 euro.

Una volta arrivati a casa i biglietti, Alessandro Borghi ha scoperto il prezzo reale per quei posti al concerto era di appena 22 sterline, poco più di 24 euro.

L’attore a quel punto ha deciso di raccontare la vicenda su Instagram attraverso un “video denuncia” contro Viagogo. Il sito di reselling si occupa da anni della rivendita di biglietti di concerti ed eventi a prezzi maggiorati.

Dalla home page di Viagogo è però esplicitato il prezzo maggiorato dei biglietti in vendita. “Siamo la più grande piattaforma di rivendita di biglietti per eventi live. I prezzi sono decisi dai venditori e possono essere superiori o inferiori al loro valore nominale”, è il messaggio che appare in testa al sito.

Alessandro Borghi nel video sui social contro Viagogo dice: “Nel mio caso, ho comprato i biglietti per un concerto e ho pagato una somma abbastanza alta. Era un concerto a Londra, in un posto abbastanza importante, e quindi dico va beh, il prezzo può essere alto. Ho preso dei posti, credevo che fossero dei posti vicini al cantante”.

“Quando sono arrivati i biglietti, li ho pagati 200 euro l’uno, quando ho visto il prezzo sui biglietti c’era scritto che costavano 22 sterline l’uno. – continua l’attore. – “Ho avuto tante reazioni, la prima è che mi sono sentito un deficiente. Subito dopo, mi sono arrabbiato. Per il fatto che l’ho trovata una cosa molto svelta, furba. A me i furbi non mi sò mai piaciuti. Ho chiamato, mandato molte mail, sapendo da subito che sarebbe stato difficile avere un contatto. Hanno cercato di dissimulare, gli ho detto: avete un sito dove non c’è scritto che io pago una cosa che vale dieci volte meno di quella che voi mi fate pagare”.

Nel video Instagram Boghi ha fatto sapere di avere già contatto Niccolò De Vitis de “Le Iene”. “Ho parlato con Niccolò De Vitis de Le Iene, mi ha detto che la situazione è molto più complessa di quella che sembra e non è di facile risoluzione. Allora io dico, a tutti quelli che mi seguono, di stare lontani da questo sito. Non comprate niente da questo sito. Se state cercando disperatamente un concerto di un biglietto e siete disposti a pagare 30 volte in più di quello che vale, allora andate. Ma questa cosa la saprete solo dopo, perché loro non ve lo diranno. Io farò tutto quello che è in mio potere per rompere le scatole a ste persone. Non repostate il video, ma fate un passaparola”.

Viagogo vaffanculo! Parassiti, si può dire?“, dice Alessandro Borghi.

Alessandro Borghi si è fidanzato: Irene è la sua nuova fiamma | FOTO

Da Instagram a Le Iene, passando per la musica: Nicolò De Devitiis, il versatile Divanoletto che ha conquistato la tv e le radio (da solo)

30
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.