Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Aldo Grasso critica la scelta di Diego Fusaro di candidarsi a sindaco di Gioia Tauro

Di Antonio Scali
Pubblicato il 7 Apr. 2019 alle 12:16 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:08
0
Immagine di copertina

Aldo Grasso contro Diego Fusaro. Lo scontro non è avvenuto in uno dei talk che riempiono i palinsesti delle nostre tv, ma direttamente sulle colonne del Corriere della Sera. Il critico tv si è scagliato contro la candidatura del filosofo a sindaco di Gioia Tauro, in Calabria.

Per Aldo Grasso con questa scelta Fusaro diventa un “marxista immaginario”. Eppure il filosofo del turbocapitalismo sembra fare sul serio, tanto che ha già presentato la sua lista, Risorgimento Meridionale per l’Italia.

La lista definisce il proprio candidato sindaco come un “filosofo che ha contribuito alla sedimentazione presso la pubblica opinione di un pensiero alternativo, contro le classi dominanti”.

La fidanzata di Diego Fusaro: “Non abbiamo mai fatto l’amore”

Di parere opposto il critico televisivo del Corriere, secondo il quale Fusaro “è passato dalla turboteoria alla turboprassi”. La scelta di candidarsi a sindaco di Gioia Tauro, una terra difficile a causa delle infiltrazioni della ndrangheta sulle attività del porto, appare piuttosto azzardata per l’editorialista.

Grasso, infatti, scrive ancora sul Corriere: “Per la filosofia c’è ancora molto da fare”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.