Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

“Dopo Gramsci e Berlinguer c’è Salvini?”: Alba Parietti contro Lorella Cuccarini

La showgirl spara a zero contro la "più amata dagli italiani"

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 17 Gen. 2019 alle 11:40 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:58
0
Immagine di copertina
Alba Parietti, Lorella Cuccarini. Credit: Getty Images

“Non sapevo si occupasse di politica, vorrei un confronto con Lorella per capire che cosa trova di sinistra in quello che fa Salvini”. Così Alba Parietti commenta le parole di Lorella Cuccarini, che nei giorni scorsi si è espressa a sostegno del governo gialloverde. [Qui le dichiarazioni di Lorella Cuccarini].

Intervenendo nella puntata del 17 gennaio 2019 di I Lunatici di Radio2, la showgirl si è lasciata andare a un commento sulla “collega” Cuccarini. “Ha detto che questo Governo ha fatto più cose di sinistra degli altri governi? Non sapevo che Lorella si occupasse di politica…Interessante questo suo spunto sociologico e politico. Quindi dopo Gramsci e Berlinguer c’è Salvini“, ha detto Parietti ironica.

“È veramente una teoria molto molto interessante che mi fa capire quanto sia attenta alla politica e alla storia… Mi sembra evidente che il pensiero di Lorella sia ben allineato con Salvini e mi sembra che lo esprima addirittura evocando la sinistra. Salvini è talmente bravo a fare la propria politica che non credo abbia ulteriormente bisogno di sostenitori. Mi sembra ne abbia già abbastanza. Il carro dei vincitori è sempre molto pieno. C’è sempre molto poco posto”, ha aggiunto la showgirl. “Io non riesco a star comoda su questo carro”, ha continuato la Parietti ribadendo con forza la sua posizione contro l’attuale esecutivo.

“Trovo che tutta questa rincorsa a soccorrere il vincitore, che è lo sport nazionale più praticato, sia poco divertente. È molto meglio in questo momento, per fingere almeno di essere ancora in democrazia, provare ad esprimere un pensiero contrario. Salvini in questo momento è vincitore a tutti gli effetti, definirlo addirittura più di sinistra di quelli di sinistra mi pare veramente azzardato”, ha spiegato ancora la showgirl.

“Se vogliamo paragonare Salvini a Che Guevara, a questo punto Berlusconi era Trockij. Mi divertirebbe un confronto in un talk con la Cuccarini, vorrei capire qual è la sua concezione della sinistra. Salvini ha bisogno di tutto tranne che di soccorritori, vorrei capire come si formano certi pensieri. Cosa ci vede di sinistra la Cuccarini nella politica di Salvini?”, chiede perplessa la Parietti.

Poi la showgirl e attrice spezza una lancia a favore del leader azzurro Silvio Berlusconi: “Una delle persone che ci ha regalato in fondo veramente vent’anni di grande democrazia. Certi atteggiamenti da parte sua non erano mai aggressivi. I suoi toni magari sono stati discutibili, ma io gli ho sempre detto di non averlo mai votato e non ho mai avuto problemi a lavorare nelle sue reti. Su questo, più in buona fede di me, penso non ci sia nessuno”.

A proposito delle polemiche sorte in seguito alle dichiarazioni di Claudio Baglioni, la Parietti ha affermato: “Condivido il pensiero di Baglioni per quanto riguarda l’odio dilagante. Non mi pare che Baglioni abbia detto nulla di grave. Se siamo arrivati al punto che un artista non possa esprimere un pensiero controcorrente è finita”, ha continuato la showgirl. [Qui la ricostruzione del botta e risposta di Baglioni e Salvini].

E conclude, poi, Alba Parietti: “La gente dovrebbe apprezzare chi ha il coraggio di andare controcorrente, a meno che non abbia un pensiero stragista o incitante all’odio. Il paradosso è che i fans di Salvini sono molto più salviniani di Salvini stesso. Salvini è più aperto al dialogo rispetto ai suoi fans. I cortigiani son sempre più realisti del Re. Sono dalla parte di Baglioni, sarò sempre sul carro che viaggia in direzione contraria al potere. Le opinioni a favore della maggioranza mi fanno quasi ridere. Un partito politico non è squadra di calcio, che senso ha inneggiare a un partito nel momento in cui vince?”.

Leggi anche: Alba Parietti: “Resto di sinistra, ma l’unico a fare la rivoluzione è Salvini”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.