Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Così una compagnia aerea combatte le molestie contro le donne in India

Immagine di copertina
Credit: Vistara Corp.

L'azienda Vistara, per i propri voli nazionali, ha inaugurato una nuova politica di assistenza alle viaggiatrici per impedire che vengano aggredite durante e dopo il volo

Vistara, compagnia aerea con base a Delhi e appartenente al più grande gruppo economico del paese, TATA, ha deciso di intraprendere nuove misure per proteggere le donne che volano sui propri aerei.

La compagnia ha lanciato un nuovo servizio che garantisce alle donne che volano da sole di non vedersi assegnato un sedile centrale, in modo da non essere affiancate da due uomini. Questa fa parte di una serie di misure introdotte nel marzo 2017 dall’azienda per proteggere le proprie clienti.

Vistara afferma che l’iniziativa Woman Flyer assicura alle donne di viaggiare in posti singoli vicino al finestrino e che non resteranno sole circondate a sconosciuti.

Questo sarà possibile anche se le clienti decideranno di non selezionare il sedile. Inoltre, all’arrivo, il personale della compagnia Vistara sarà disponibile presso il ritiro-bagagli per offrire assistenza alle viaggiatrice. 

La compagnia resterà anche a disposizione delle donne per aiutarle a prenotare taxi autorizzati all’aeroporto. Secondo Deepa Chadha, vice presidente senior di Vistara, questo progetto incoraggia le donne a espandere i propri orizzonti e a sentirsi a proprio agio.

“Le donne sono una forza importante che rende le economie più forti e le società più sane”, ha spiegato Chadha. La compagnia ha intenzione di espandere le proprie attività a livello internazionale e di fornire questi nuovi servizi alla clientela femminile di tutto il mondo.

Secondo una ricerca della Global Business Travel Association, entro il 2019, l’India è pronta a diventare il sesto più grande mercato del mondo nell’ambito dei viaggi d’affari.

Tuttavia, il paese ha una pessima reputazione internazionale per quanto riguarda la sicurezza delle donne, a causa dei molti reati violenti denunciati negli ultimi anni.

Nel tentativo di affrontare il problema, il paese ha introdotto carrozze e autobus riservati alle sole donne e ai bambini.

L’iniziativa della compagnia Vistara intende aprire le porte di un nuovo mercato al femminile del trasporto aereo combattendo allo stesso tempo contro le discriminazioni di genere.

– LEGGI ANCHEUna donna indiana è stata aggredita per la quinta volta con l’acido

La donna indiana picchiata per aver partorito una bambina

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"