Me

Vincent Lambert, la moglie denuncia i genitori per un video dall’ospedale

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 21 Mag. 2019 alle 17:50 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:29

La moglie di Vincent Lambert, il tetraplegico in stato vegetativo che sta dividendo l’opinione pubblica francese sul tema del “fine vita”, ha denunciato i genitori dell’uomo per la diffusione di un video che ritrae Lambert sul letto d’ospedale [la ricostruzione completa del caso].

“Questo video non avrebbe mai dovuto essere girato”, ha dichiarato Francis Fossier, avvocato difensore della donna.

Chi è Rachel, la moglie di Vincent Lambert

“Nostro figlio non è un vegetale: è vivo”: la lettera dei genitori di Vincent Lambert

Nel filmato, pubblicato dal sito del settimanale di destra Valeurs Actuelles, si vede Vincent Lambert sul letto e si sente la voce della madre che gli ripete “non ti preoccupare, non ti abbandoniamo” mentre gli accarezza il viso.

Rachel Lambert, la moglie di Vincent, è impegnata da anni in una dura battaglia legale con i genitori dell’uomo, che si oppongono alla sospensione dei trattamenti sanitari.

Chi è Vincent Lambert

Cosa c’è da sapere sul caso di Vincent Lambert

La donna, tutrice del marito dal 2016, intende procedere allo spegnimento dei macchinari che tengono in vita artificialmente il consorte, vittima di un grave incidente stradale nel 2008.

Quella di ieri è stata una giornata molto importante per il caso di Vincent Lambert. I medici dell’ospedale hanno avviato le procedure per la sospensione delle cure in applicazione a una sentenza del Consiglio di Stato. Poco dopo è arrivato anche il verdetto della Corte europea dei diritti dell’uomo, che ha confermato l’ok allo spegnimento dei macchinari. Ma in serata, a sorpresa, la Corte d’appello di Parigi haordinato la ripresa delle cure per Lambert, accogliendo l’ennesimo ricorso dei genitori, che hanno invocato le raccomandazioni del Comitato dei Diritti dei disabili delle Nazioni Unite.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Vincent Lambert, la Corte di Parigi ordina la ripresa delle cure per il 42enne tetraplegico