Covid ultime 24h
casi +20.884
deceduti +347
tamponi +358.884
terapie intensive +84

Usa, 45 senatori repubblicani si oppongono all’impeachment contro Trump: “È incostituzionale”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 27 Gen. 2021 alle 10:10 Aggiornato il 27 Gen. 2021 alle 11:35
5
Immagine di copertina

Usa, 45 repubblicani si oppongono all’impeachment contro Trump in Senato

Dopo che la Camera ha trasmesso in Senato gli atti dell’impeachment contro Trump, la strada del processo all’ex presidente sembra in salita. Secondo il Washington Post, infatti, 45 dei 50 senatori repubblicani della Camera alta sarebbero pronti a sostenere l’ex presidente e non votare a favore dello stato d’accusa. Sono gli stessi che ieri hanno appoggiato la mozione presentata dall’esponente del Gop Rand Paul sull’incostituzionalità dell’impeachment.

Impeachment contro Trump in Senato: la mozione di incostituzionalità

Il senatore è convinto che non si possa mettere in stato d’accusa un presidente o qualsiasi funzionario pubblico quando non è più in carica. “L’impeachment è stato progettato per rimuovere un funzionario da una carica pubblica”, ha dichiarato dopo il voto il senatore della West Virginia Shelley Moore Capito. “La Costituzione non dà al Congresso il potere di mettere sotto accusa un privato cittadino”.

Ma per i dem l’argomentazione non sta in piedi: la Costituzione non si esprime sulla possibilità che un presidente venga processato anche dopo lo scadere del suo mandato, e non pone limiti temporali all’avvio del procedimento, che teoricamente potrebbe riguardare anche azioni compiute negli ultimi giorni della presidenza. I democratici fanno riferimento al caso di un segretario di gabinetto che nel 19esimo secolo fu processato dopo le dimissioni.

In Senato mancano i numeri

Per ora la mozione d’incostituzionalità è stata respinta perché cinque repubblicani – tra cui Mitt Romney e Susan Collins del Maine – hanno espresso il proprio voto contrario, ma per il processo d’impeachment non basta la maggioranza relativa. Affinché la messa in stato d’accusa di Trump venga approvata, servono 67 voti, ovvero i due terzi del totale dei 100 seggi della Camera alta. Significa che i 50 dem dovrebbero portare almeno 17 senatori dalla loro parte.

E intanto anche i trumpiani come il leader della maggioranza in Senato Mitch Mc Connel che hanno riconosciuto le gravi responsabilità dell’ex presidente nel provocare l’attacco in Campidoglio, ieri hanno approvato la mozione di incostituzionalità. Il processo che accusa Trump di avere “istigato l’insurrezione” di centinaia di sostenitori il 6 gennaio scorso non dovrebbe iniziare prima del 9 febbraio in Senato. Ma per i repubblicani di Rand Paul è “dead on arrival”, morto in partenza.

Leggi anche: 1. Usa, Biden cancella il divieto per i transgender di entrare nell’esercito voluto da Trump 2. Una storia di lutti, vittorie e sconfitte: perché Biden è l’uomo giusto per guidare l’America del 2021 (di Marta Vigneri) 3. Fauci: “Alla Casa Bianca mi chiamavano ‘puzzola al pic-nic’. Per Trump ero un disfattista”; 4 Aerei militari cinesi sorvolano Taiwan per lanciare un segnale alla nuova amministrazione Biden;

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

5
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.