La storia dell’uomo “miracolato” dal Coronavirus. I medici: “Ha zero possibilità”. Ma si salva la vita

Mal Martin, 58 anni, di Cardiff, ha trascorso 11 settimane in terapia intensiva. Dovrà subire l’amputazione di alcune dita a causa delle terapie massicce ricevute

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 3 Lug. 2020 alle 16:29
66
Immagine di copertina

Coronavirus, la storia dell’uomo “miracolato”

Una storia a lieto fine è quella di Mal Martin, 58enne di Cardiff (Galles), dimesso dopo 11 settimane di terapia intensiva. La famiglia si era dovuta rassegnare al fatto che non lo avrebbe più rivisto, i medici gli avevano dato “quasi zero possibilità” di sopravvivere, e invece Mal Martin ce l’ha fatta. È stato “miracolato” e si è salvato.

“Tutti in ospedale gli hanno detto che non si aspettavano che sopravvivesse”, racconta la moglie Sue Martin, che già ad aprile era stata intervistata dalla Bbc. “Parlare del suo ritorno a casa non ci sembra possibile. Siamo così incredibilmente grati”, aggiunge la donna.

La moglie aveva persino accompagnato i due figli Hana, 16 anni e William, 13 anni, in ospedale per salutare il loro papà per l’ultima volta. Quando ha iniziato a sentirsi meglio, la famiglia aveva anche provato a contattarlo attraverso FaceTime: “Ma era stata ancora una conversazione a senso unico. Lui era debole, poteva solo battere le palpebre, alzare il sopracciglio, o annuire. All’inizio non riusciva nemmeno a muovere le braccia, le mani o le gambe”.

Poi il risvolto inaspettato. Mal Martin si riprende. E guarisce dal Coronavirus. La moglie ha raccontato alla stampa che molto probabilmente il marito dovrà sottoporsi ad altri interventi chirurgici. L’uomo dovrà subire l’amputazione di alcune dita, a causa delle terapie aggressive a cui è stato sottoposto. Ma ora potrà tornare a casa e riabbracciare la sua famiglia. “Un piccolo prezzo da pagare”, ha commentato la moglie.

Leggi anche: 1. Il business delle pubblicazioni “predatorie”: riviste chiedono più di 3mila euro per pubblicare articoli sul Coronavirus / 2. Esclusivo TPI – Droga, l’Europol contro le Polizie nazionali: “Durante il lockdown troppi agenti impegnati a controllare strade vuote a scapito dell’intelligence”/

3. Codogno, “Io, 22 anni, e mia sorella, 18, messe alla gogna sui social da una senatrice della Lega” (di Selvaggia Lucarelli) / 4. Vo’ Euganeo rischia il default. Il sindaco: “Nessun aiuto per le spese per il virus”/ 5. Seconda ondata del Covid: è rottura tra medici di famiglia e ATS Bergamo

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

66
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.