Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Ungheria comincia ad arrestare i migranti che entrano illegalmente

Immagine di copertina

Oggi è entrata in vigore la legge che prevede la carcerazione fino a 3 anni per chiunque entri illegalmente in Ungheria. 9380 persone hanno varcato il confine nella notte

A mezzanotte è entrata in vigore in Ungheria la nuova legge in materia di immigrazione, che prevede la carcerazione fino a 3 anni per chiunque entri nel Paese in maniera illegale. Secondo i dati forniti dalla polizia, questa notte hanno varcato il confine con la Serbia già 9.380 migranti e 16 di essi sono stati arrestati, mentre centinaia di rifugiati hanno dormito vicino alla frontiera.

Per i profughi rimangono aperti due varchi di accesso al Paese, dove saranno costretti a registrarsi per poter entrare in maniera legale e nel rispetto del trattato di DublinoIl trattato – ratificato dai Paesi membri dell’Unione europea più Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Svizzera – obbliga i richiedenti asilo a presentare domanda nel primo stato europeo in cui approdano, senza poterla reiterare in altri stati.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha chiarito che chi arriverà dalla Serbia senza aver fatto domanda di asilo lì, sarà immediatamente espulso.

Ieri è stata completata la barriera di filo spinato di 175 km che dividerà l’Ungheria dalla Serbia, ed è stata bloccata la linea ferroviaria maggiormente utilizzata dai migranti per varcare il confine.


Secondo le autorità ungheresi, sono più di 190mila i rifugiati che sono entrati nel territorio ungherese dall’inizio dell’anno e più di 9mila nella notte tra lunedì e martedì.


Nella giornata di ieri, il vertice tra i ministri dell’Interno dell’Ue, che si è tenuto per affrontare lo stato d’emergenza, non è arrivato a una soluzione definitiva riguardo alle quote di migranti da distribuire nei Paesi dell’eurozona. Gli unici punti stabiliti durante l’incontro a Bruxelles hanno riguardato l’avvio di una nuova fase della missione nel Mediterraneo contro gli scafisti e il ricollocamento di 40mila profughi nel continente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari