Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Ue ora pensa a un lockdown europeo. Ecco il piano per chiudere l’intero continente

Immagine di copertina
La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. Credit: EPA/JOHANNA GERON / POOL

La proposta potrebbe essere discussa oggi in via preliminare da alcuni capi di governo

I vertici dell’Ue stanno lavorando a un piano su un lockdown europeo per affrontare l’emergenza Covid-19. A rivelarlo è un retroscena firmato da Fabio Martini e pubblicato oggi su La Stampa, che parla di un’ipotesi ancora al vaglio, ma che appare “clamorosa” e “per certi versi storica”. Per la proposta, che potrebbe essere discussa oggi in via preliminare da alcuni capi di governo, si sono spesi la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen e il presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

L’intesa non dovrebbe riguardare necessariamente tutti i 27 paesi membri, ma la maggioranza dei paesi. Questi adotterebbero un unico provvedimento per imporre il lockdown, ma con possibili misure variabili in base alle diverse realtà nazionali. In una formula più “leggera”, la Commissione potrebbe lasciare i paesi liberi di aderire alla proposta, senza necessariamente ricorrere al voto. Ma la presidente della Commissione intende confrontarsi in via preliminare con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron e con i leader dei Paesi che finora hanno evitato ogni restrizione delle libertà personali.

Dopo l’Irlanda, primo paese Ue a tornare in lockdown, anche Germania, Francia e Olanda hanno adottato nuove drastiche chiusure, mentre Spagna e Belgio potrebbero seguirli a breve (qui le misure paese per paese). Un lockdown europeo potrebbe alleggerire questi paesi, inclusa l’Italia, dove dopo le chiusure parziali si parla già di un piano per nuove strette a partire dal 9 novembre.

Leggi anche: 1. In Europa torna l’incubo lockdown: dalla Francia alla Germania, nuove strette per mezzo continente /2. Giappone, Corea del Sud e Australia hanno domato il Coronavirus grazie alla tecnologia e alle chiusure /3. In Cina per un singolo caso, per di più asintomatico, sono stati fatti quasi 5 milioni di test /4. Covid, lo studio: “Anticorpi scompaiono rapidamente, difficile raggiungere immunità di gregge”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale