Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rischio listeria, Findus e Lidl ritirano alcuni minestroni surgelati in Italia e in Europa

Immagine di copertina
Nei fagiolini contenuti nei minestroni surgelati sono stati riscontrati possibili rischi di contaminazione dal batterio Listeria monocytogenes

Dalla Germania al Regno Unito passando per l’Austria: il rischio listeria che ha causato il ritiro di diversi lotti di minestroni surgelati della Findus e della Lidl si è allargato anche ad altri paesi europei interessando anche alti marchi.

Nei fagiolini contenuti nei minestroni surgelati sono stati riscontrati possibili rischi di contaminazione dal batterio Listeria monocytogenes, di cui è in corso un’epidemia dal 2015 che in Europa ha causato 47 casi e 9 morti.

La Findus ha dichiarato che la decisione di ritirate i lotti di surgelati è stata del tutto “volontaria e in via del tutto precauzionale”.

“La decisione è stata presa in linea con la politica di massima tutela dei propri consumatori e della qualità dei propri prodotti”, sottolinea la società “ed è stata presa a seguito della segnalazione del fornitore Greenyard, della potenziale contaminazione da listeria di una partita di fagiolini, utilizzati in minima parte all’interno dei prodotti oggetto del richiamo”.

Findus ha precisato che la categoria dei prodotti surgelati oggetto del richiamo “prevede il consumo solo previa cottura, come chiaramente indicato sulle confezioni. La cottura del prodotto annulla ogni potenziale rischio per la salute”.

Il Listeria monocytogenes viene infatti debellato con la cottura.

I lotti ritirati sono: Minestrone Tradizione 1 KG (lotto L7311, L7251, L7308, L7310, L7334); Minestrone Tradizione 400g (L7327, L7326, L7304 e L7303); Minestrone Leggeramente Sapori Orientali 600g (L7257, L7292, L7318, L8011), Minestrone Leggeramente Bontà di semi 600g (L7306).

Le informazioni sul lotto di produzione “si trovano nel riquadro bianco sul retro o sul lato della confezione ove viene riportata anche la data di scadenza”, ha dichiarato la Findus.

Per quanto riguarda i lotti ritirati dalla Lidl invece l’annuncio da parte della GREENYARD N.V., è stato riportato sul sito della catena di distribuzione.

Il ritiro riguarda i surgelati del marchio Freshona che in Italia al momento sono stati ritirati solo in Sicilia.

I lotti ritirati sono: Art. 79520 «Freshona» Mais surgelato, 450g Codice a barre 20417963; Art. 12105 «Freshona» Mix di verdure surgelate, 1000g – Assortimento Gemsemix – Mix di verdure Codice a barre 20039035.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue