Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I video sfuggiti alla censura che documentano le violenze in Sudan

Sudan video – I video che sfuggono alla censura di Internet documentano le tensioni e le violenze che si vivono in queste settimane in Sudan [cosa sta succedendo in Sudan].

Nei filmati che circolano sui social si vedono persone che scappano terrorizzate per le strade mentre si sentono in sottofondo spari di arma da fuoco, e poi edifici incendiati e persone ferite o addirittura morte lungo le strade.

Dopo il golpe che ad aprile ha rovesciato il presidente Omar al-Bashir, rimasto al potere per 30 anni, il Consiglio militare di transizione e le opposizioni civili non hanno trovato un accordo sulla formazione del governo. L’esercito, che regge il potere, ha convocato nuove elezioni entro nove mesi.

Sono così riprese le proteste di piazza, che sono ben presto sfociate in duri scontri tra manifestanti e polizia. Il bilancio degli ultimi giorni è di circa 100 morti. Una situazione che ha portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a denunciare gravi violazioni dei diritti umani.

Dal 9 giugno è in atto uno sciopero generale indetto dalle opposizioni, il cui obiettivo è bloccare il paese e renderlo ingovernabile: l’esercito ha risposto arrestando coloro che hanno aderito allo sciopero.

Negli ultimi giorni, poi, si è registrato un nuovo tentativo di golpe contro il Consiglio militare di transizione: 68 militari sono stati arrestati con l’accusa di essere coinvolti nel tentato colpo di stato.

Sull’onda delle tensioni che scuotono il paese, Remaz Mahgoub Khalaleyal, un’attivista sudanese-americana, ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sui social network.

Khalaleyal ha chiesto agli utenti dei social di cambiare la propria immagine del profilo sostituendola con un’immagine a sfondo interamente blu accompagnata all’hastagh #iamthesudanrevolution e #bluforsudan.

Sudan, sui social network la campagna per sensibilizzare sulle violenze dell’esercito
Ti potrebbe interessare
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"
Esteri / G7 a Kiev, Macron “snobba” Meloni: “Impegnato con gli agricoltori”. E convoca un altro vertice a Parigi
Esteri / Germania: famiglie palestinesi denunciano il cancelliere Olaf Scholz per “complicità in genocidio” a Gaza
Esteri / Ucraini in fuga dalle armi: montano le proteste contro la campagna di reclutamento
Esteri / Giorgia Meloni arriva a Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina
Esteri / Elena Basile a TPI: “La tregua in Ucraina è ancora possibile”