Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli Usa limitano la vendita di armi ai sauditi per contrastare l’uccisione di civili in Yemen

Immagine di copertina

L'amministrazione Obama ha espresso preoccupazione per alcune falle nelle modalità di gestione degli attacchi aerei da parte dell'Arabia Saudita

Gli Stati Uniti hanno deciso di limitare la vendita di armi all’Arabia Saudita, a causa delle numerose vittime civili degli attacchi aerei in Yemen, riducendo il supporto alla campagna militare del regno saudita che va avanti da quasi due anni nel paese. Lo ha riferito un funzionario statunitense all’agenzia Reuters.

Gli approvvigionamenti di armi ad alta precisione saranno interrotti e gli Stati Uniti rivedranno i programmi di esercitazione delle forze aeree saudite per migliorare le pratiche per l’individuazione negli obiettivi. L’amministrazione Obama ha espresso la sua preoccupazione per alcune “falle” nelle modalità di gestione degli attacchi aerei da parte dell’Arabia Saudita.

Gli Stati Uniti continueranno comunque a fornire a Riyad servizi di intelligence per la sicurezza dei confini e esercitazioni per i piloti coinvolti nella campagna militare, per evitare nuove stragi di civili, secondo quanto dichiarato da Ned Price, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale statunitense.

A ottobre 2016 oltre 140 civili sono stati uccisi da un attacco aereo durante un funerale in Yemen. La coalizione guidata dall’Arabia Saudita, che si è attivata a sostegno del governo eletto contro i ribelli houthi – appoggiati dall’Iran – è stata ritenuta responsabile dell’attacco.

La guerra in Yemen ha provocato finora la morte di oltre 10mila persone e ha causato alcune crisi umanitarie, inclusa la presenza di 3 milioni di sfollati nel paese e la perenne mancanza di cibo nella nazione più povera del Medio Oriente.

I ribelli houthi hanno preso il controllo della capitale Sanaa nel 2014, costringendo il governo di Abdrabbuh Mansour Hadi a lasciare la città.

Le organizzazioni umanitarie accusano l’Arabia Saudita di attaccare ospedali, scuole, mercati e fattorie, commettendo crimini di guerra. Ma il regno ha negato di aver provocato morti di civili su larga scala, dicendo di fare il possibile per evitare di colpire obiettivi civili.

— LEGGI ANCHE: La tragedia dello Yemen, ignorata dal mondo

Chi sono gli houthi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”