Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, le commoventi immagini del funerale per gli 8 bambini curdi uccisi dalle bombe turche

Immagine di copertina

La solenne cerimonia funebre nel villaggio di Talla Rifaat, a nord di Aleppo. L'Unicef si dice "triste" ma non condanna Ankara

Siria, il funerale degli 8 bambini curdi uccisi dalle bombe turche

Di Benedetta Argentieri, inviata di TPI in Siria – Un addio commuovente. Migliaia di persone hanno stretto in un abbraccio le famiglie degli 8 bambini e dei 2 anziani che lunedì 2 dicembre hanno perso la vita a Tall Rifaat, a nord di Aleppo.

I piccoli sono stati vittime di un bombardamento della Turchia che ha mirato a un villaggio, casa per migliaia di persone che sono scappate dalle milizie turche ad Afrin.

Tutta la regione è stata invasa dalle forze di Ankara a marzo del 2018. Pensavano di essere al sicuro, ma con questa nuova invasione turca cominciata il 9 ottobre scorso Ankara ha continuato i bombardamenti anche nelle zone ben al di fuori della zona negoziata con le altre potenze mondiali.

Tal Rifaat, a circa 20 chilometri dal confine, è spesso preso di mira dalla Turchia, e lunedì, oltre ai 10 morti, sono state ferite anche 21 persone. Così mercoledì 4 dicembre un corteo funebre lunghissimo ha accompagnato le bare, e gridare tutto il dolore per delle vittime innocenti.

L’Unicef si è detta “triste” per l’episodio, ma non ha condannato la Turchia. Il tutto accadeva mentre a Londra le potenze Nato si ritrovavano per il 70esimo anniversario dell’alleanza. Al tavolo si è discusso anche di Siria. Nessuno sembra aver accolto la proposta della Turchia di classificare lo YPG, le Unità di Protezione del Popolo curde, come gruppo terrorista. Anche perché sono state essenziali nella guerra contro ISIS.

Ma la Turchia non ha alcuna intenzione di mollare il colpo. Ed è pronta a continuare il conflitto anche da sola. I curdi si sentono più che mai isolati. E questo ultimo atto di guerra ha fatto capire che nessuno è al sicuro.

Leggi anche:

Tutte le notizie sulla guerra in Siria

La guerra all’Isis si fa anche sui nuovi social: da TikTok a RocketChat, ecco cosa c’è da sapere

Tutto in Siria era già scritto: i due attentati a Londra e L’Aja fanno ripiombare l’Europa nel terrore

Torna il terrore degli attentati in Europa. E mentre Erdogan fa la guerra ai curdi, l’Isis recupera nuova linfa (di Giulio Gambino)

La Nato festeggia i suoi 70 anni, ma le tensioni e le divisioni tra gli alleati sono più forti che mai

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”