Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

La Scozia è il primo paese al mondo a garantire gli assorbenti gratis

Il governo scozzese metteva già a disposizione assorbenti gratuiti nelle scuole e nelle università. Ora le autorità locali dovranno renderli disponibili per "tutti coloro che ne hanno bisogno"

Di Anna Ditta
Pubblicato il 25 Nov. 2020 alle 09:14
15k
Immagine di copertina

Il parlamento scozzese ha approvato all’unanimità in via definitiva il Period Products Free Provision Act, trasformando la Scozia nel primo paese al mondo che garantirà accesso gratuito e universale agli assorbenti e agli altri prodotti igienici per il ciclo mestruale. L’approvazione è arrivata dopo una campagna durata 4 anni e guidata dalla parlamentare scozzese laburista Monica Lennon.

Lo scorso febbraio, la nuova legge aveva ricevuto una prima approvazione. Ora, con il voto definitivo, arriverà l’obbligo alle autorità locali di rendere disponibili gli assorbenti a coloro che ne hanno bisogno, sul modello di quanto già avviato nel 2018 dalla regione amministrativa scozzese dell’Ayrshire Settentrionale, che garantisce assorbenti gratis negli edifici pubblici. Per renderlo possibile, il governo scozzese ha destinato complessivamente 9,2 milioni di sterline (circa 10,3 milioni di euro).

La Scozia garantiva già assorbenti gratis nelle scuole e nelle università. Il nuovo provvedimento è stata adottato per contrastare la cosidetta “period poverty“, ovvero le difficoltà economiche nel procurarsi ogni mese assorbenti e altri prodotti per il ciclo mestruale. Questo tipo di difficoltà, secondo le associazioni di beneficienza, è aumentata durante la pandemia di Covid-19.

Leggi anche: 1. Le migliori alternative agli assorbenti usa e getta /2. La prima città del mondo che offre assorbenti gratuiti alle donne /3. L’Iva sugli assorbenti è al 22 per cento, quella sui rasoi da barba al 4 per cento: una contraddizione tutta italiana /4. Boldrini a TPI: “Abbassare l’Iva sugli assorbenti è un primo passo per rimettere le necessità delle donne al centro” /5. Chi ha deciso che le donne devono spendere più degli uomini?

15k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.