Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

L’Iva sugli assorbenti è al 22 per cento, quella sui rasoi da barba al 4 per cento: una contraddizione tutta italiana

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 20 Nov. 2019 alle 13:22 Aggiornato il 21 Nov. 2019 alle 13:07
6.9k
Immagine di copertina

Il tema dell’Iva sugli assorbenti, al momento tassati al pari dei beni di lusso, torna al centro del dibattito dopo la proposta sulla riduzione della Tampon Tax dal 22 al 10 per cento dell’Iva presentata da Laura Boldrini e attualmente in discussione.

A far discutere ancora in Italia è anche la disparità di tassazione tra beni femminili e quelli maschili: l’aliquota sui tamponi è al 22 per cento, mentre quella sui rasoi da uomo è ferma al 4 per cento.

Iva assorbenti e rasoi: le differenze

Nel nostro Paese l’aliquota ordinaria sugli assorbenti è stata introdotta nel 1973 ed è cresciuta nel tempo dal 12 per cento fino alla quota odierna del 22 per cento. A differenza di prodotti come il tartufo o i francobolli da collezione, che hanno ottenuto un’imposta agevolata al 10 per cento, i prodotti femminili però, così come i pannolini per i neonati, non hanno ancora subito una riduzione dell’aliquota.

Diverso il destino dei rasoi da barba, che sono considerati invece un bene primario con aliquota al 4 per cento, così come latte e occhiali. Eppure anche l’utilizzo di assorbenti per le donne è una necessità di cui non si può fare a meno per svolgere le normali attività quotidiane durante i giorni del ciclo mestruale. Una necessità che si ripropone ogni mese durante tutto il periodo fertile, che in media dura quarant’anni. Senza contare che richiede un esborso non indifferente, che si calcola si aggiri in un anno per ogni donna mediamente intorno ai 100-150 euro.

Le contraddizioni tra la tassazione dei beni femminili e maschili erano già state sottolineate in uno studio del Department of Consumers Affairs di New York, che alla fine del 2015 ha pubblicato lo studio From Cradle to Cane: The Cost of Being a Female Consumer: partendo da 800 beni di largo consumo analizzati, in versione sia maschile che femminile, è emerso che questi ultimi costano in media il 7 per cento in più rispetto al loro equivalente per il sesso opposto, che arriva a toccare il 13 per cento nel caso di prodotti per la cura e l’igiene personale.

Un esempio? I rasoi idratanti Hydro Silk a marchio Schick, all’epoca venduti a 14,99 dollari per lui, 18,49 dollari per lei: i prezzi hanno ora subito delle variazioni, a differenza del gap tra le due alternative, che invece rimane tristemente invariato.

Iva sugli assorbenti: cosa succede negli altri paesi Ue

L’ultimo paese in ordine di tempo che ha abbassato la tassazione per assorbenti e pannolini è stata la Spagna: l’imposta sul valore aggiunto, assimilabile alla nostra Iva, è stata portata al 4 per cento. Ancora meglio succede alle Isole Canarie, dove dal primo gennaio di quest’anno il governo autonomo ha deciso di eliminare in toto le tasse su pillole antidolorifiche, coppette mestruali e assorbenti.

In Scozia, da settembre, le studentesse potranno ricevere gratuitamente assorbenti e altri articoli sanitari femminili, per porre rimedio a quella che è stata definita la “period poverty”: l’impossibilità per le studentesse in stato di difficoltà economica di frequentare le lezioni durante il ciclo mestruale, proprio perché non possono permettersi gli assorbenti.

La Francia è dal 2015 che ha abbassato dal 20 per cento al 5,5 per cento l’imposta sui prodotti sanitari femminili, mentre Belgio e Olanda l’hanno portata al 6 per cento.

L’Irlanda l’ha addirittura azzerata. Sempre nel 2015 il Canada ha eliminato del tutto le tasse su questi articoli. Anche l’India, pochi mesi fa, ha cancellato la tassa sui prodotti sanitari, introdotta lo scorso anno e pari al 12 per cento, mentre in Australia a partire da gennaio 2019 non si pagherà più su assorbenti e tamponi la Gst, la tassa del 10 per cento introdotta nel 1999. E l’Italia?

La commissione Finanza boccia l’emendamento dell’Iva sugli assorbenti

In Italia torna in discussione l’emendamento al decreto fiscale che prevede l’applicazione dell’aliquota Iva ridotta al 10 per cento invece di quella al 22 per cento sugli assorbenti. La proposta di modifica, ieri giudicata inammissibile dalla Commissione Finanze della Camera dove il decreto è in esame, oggi è stata riammessa.

L’emendamento, a prima firma Laura Boldrini, punta a ridurre l’Iva su tutti i prodotti sanitari e igienici femminili, quali tamponi interni, assorbenti igienici esterni, coppe e spugne mestruali e secondo le stime avrebbe un costo annuo di 97 milioni di euro. La riammissione non comporta automaticamente un via libera al testo visto che la proposta emendativa potrebbe a questo punto essere bocciata nel merito dalla commissione.

Leggi anche:

Nella Manovra del popolo gli assorbenti sono un bene di lusso, il tartufo no

Boldrini a TPI: “Abbassare l’Iva sugli assorbenti è un primo passo per rimettere le necessità delle donne al centro”

“Il taglio della Tampon Tax? Lo paghiamo coi 49 milioni della Lega”, la protesta contro l’Iva sugli assorbenti di Onde Rosa

6.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.