Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Scoperti almeno 72 corpi in due fosse comuni a Idlib, in Siria

Si tratta di vittime di esecuzioni sommarie attribuite a una milizia vicina all’Isis. I volontari hanno lavorato per due giorni per recuperare le salme

Di Asmae Dachan
Pubblicato il 24 Feb. 2017 alle 16:06 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:53
0
Immagine di copertina

La Protezione Civile siriana ha scoperto due nuove fosse comuni a Khan Shaikhun, nella periferia di Idlib, in Siria. Sono stati recuperati i corpi di almeno settantadue persone, vittime di esecuzioni sommarie. Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stata la brigata di Liwa Alaqsa, vicina all’Isis, a compiere la strage.

I volontari hanno lavorato per due giorni per recuperare le salme e ora cercano di restituirle alle famiglie, anche se le operazioni sono particolarmente complicate. La zona dove sono state individuate le fosse, secondo testimoni oculari, è stata disseminata di mine. 

**Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.**

Le vittime, esclusi due citizen reporter, sarebbero tutti ribelli del gruppo Hayat Tahrir al Sham, catturati nelle scorse settimane dalla brigata, che ha scelto di allearsi con l’Isis. Sono almeno centotrenta le persone imprigionate dai miliziani nella zona e si teme che presto potrebbero essere individuate nuove fosse comuni. 

Le famiglie dei combattenti che hanno subito le esecuzioni hanno chiesto ai miliziani la restituzione immediata dei corpi dei loro congiunti, ma la brigata ha rifiutato, usando proprio quei corpi come oggetto di trattativa. In cambio del rilascio delle salme, i ribelli li avrebbero fatti passare senza aggredirli.  

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.