Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un ribelle ugandese sarà processato al tribunale dell’Aia

Immagine di copertina

Dominic Ongwen, comandante del Lord’s Resistance Army (Lra), dovrà rispondere di oltre 70 capi d'imputazione riguardo i crimini di guerra compiuti in Uganda

Dominic Ongwen, comandante del Lord’s Resistance Army (Lra) ugandese, sarà processato a partire dal 26 gennaio e dovrà rispondere di oltre 70 capi d’imputazione di fronte al tribunale dell’Aia. Tra le accuse c’è anche l’uso di mezzi come la violenza e lo stupro per trasformare bambini in soldati o in schiavi sessuali.

Il gruppo ribelle guidato da Joseph Kony conduce una sanguinosa campagna contro il governo ufficiale dell’Uganda dal 1987. Kony, auto-proclamatosi profeta, portavoce di Dio e tramite umano dello Spirito Santo, punta a sostituire il governo del presidente Yoweri Museveni con uno stato teocratico fondato sui dieci comandamenti.

Ongwen, nato nel 1975, fu rapito, brutalizzato e trasformato in un bambino soldato. Diventato uno dei comandanti del Lra, ha applicato le stesse orribili pratiche da lui subite alla formazione di nuovi bambini soldato.

Ongwen avrebbe guidato quattro attacchi contro altrettanti campi profughi, massacrando civili e rapendone altri per trasportare il bottino. Le autorità ugandesi hanno diffuso video che mostrano gli effetti devastanti degli attacchi del Lra: capanne di paglia bruciate e fosse comuni.

Terribile anche l’accusa secondo cui Ongwen avrebbe ordinato ai suoi soldati di uccidere, cucinare e mangiare alcuni civili che erano stati rapiti durante gli attacchi.

Ongwen, che si è arreso e consegnato a gennaio del 2015 dopo anni di latitanza, è apparso a disagio ma anche risoluto: “Tutto questo è solo una perdita di tempo”, ha dichiarato.

Il procuratore Ben Gumpert ha riferito che l’infanzia traumatica di Ongwen potrà forse essere considerata un’attenuante. Gli avvocati della difesa puntano a far cadere ogni accusa per carenza di prove.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Esteri / Regno Unito, uomo arrestato nel parco di Windsor a Natale: “Sono qui per uccidere la Regina”
Esteri / Londra, incendio tra London Bridge e Waterloo East. “Tenete chiuse porte e finestre”
Esteri / Russia, Putin premierà le donne che partoriscono almeno dieci figli
Esteri / Berlino, Abu Mazen accusa Israele di Olocausto, poi ritratta. Scholz: "Profondamente indignato"
Esteri / Terrore a bordo, ubriaco tenta di aprire il portellone dell’aereo in volo: “Ci vediamo in paradiso”
Esteri / Tensioni in Kenya dopo le elezioni presidenziali: Odinga contesta la vittoria di Ruto