Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È stato registrato il primo caso di peste bubbonica dopo oltre 20 anni

Immagine di copertina

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, la peste bubbonica causa linfonodi ingrossati o, appunto, bubboni e la sua forma più violenta è quella polmonare

Nello stato dell’Idaho, negli Stati Uniti, un ragazzo ha contratto il batterio della peste bubbonica, in quello che rappresenta il primo caso umano da oltre 20 anni.

Il giovane, di cui non è stata diffusa l’identità, attualmente non versa in condizioni critiche e il 13 giugno 2018 è tornato a casa, nella contea di Elmore, dopo essere stato trattato con antibiotici in ospedale.

Christine Myron, portavoce del Dipartimento Sanitario del Distretto Centrale, ha riferito che le analisi svolte in laboratorio sulla malattia contratta dal ragazzo hanno confermato che si trattava proprio della peste bubbonica.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la peste bubbonica causa linfonodi ingrossati o, appunto, bubboni e la sua forma più violenta è quella polmonare.

In questa forma, sempre secondo l’OMS, la peste bubbonica “può essere fatale” se non diagnosticata e trattata tempestivamente.

Il Dipartimento Sanitario del Distretto Centrale non è riuscito a chiarire se il contagio del ragazzo sia avvenuto in Idaho o durante un recente viaggio in Oregon.

Myron ha detto che i casi di peste umana segnalati nello stato sono rari, con i casi più recenti che sono stati riportati nel 1991 e nel 1992.

I sintomi della peste bubbonica e di quella polmonare sono simili e includono mal di testa, febbre, brividi ed estrema debolezza.

I soggetti affetti da peste bubbonica possono anche manifestare linfonodi ingrossati e quelli con peste polmonare possono essere colpiti da polmonite insieme a dolore al petto, tosse e problemi respiratori.

Sarah Correll, epidemiologa del Dipartimento Sanitario del Distretto Centrale, ha dichiarato che la peste può essere trasmessa agli esseri umani quando vengono morsi dalle pulci infette.

“Le persone possono ridurre il loro rischio trattando i loro animali domestici per le pulci ed evitando il contatto con la fauna selvatica”, ha detto Correll.

“È bene indossare un repellente per insetti, pantaloni lunghi e calzini quando si visitano le aree colpite dalla peste”.

Leggi anche: Secondo uno studio scientifico gli strofinacci della cucina causano gravi infezioni

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio