Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perù, ostaggio di una setta per oltre un anno: 19enne ritrovata nella giungla

Immagine di copertina
Patricia Aguilar

La giovane spagnola Patricia Aguilar, dopo oltre un anno di ricerche, è stata ritrovata nella giungla peruviana

Il 7 gennaio 2017 Patricia Aguilar era scappata dalla sua casa ad Elche in Spagna appena diventata maggiorenne.

Dopo oltre un anno di ricerche la giovane spagnola, oggi diciannovenne, è stata ritrovata in Perù nella giungla, con in braccio una bambina di un mese, sua figlia.

La ragazza è stata ostaggio della setta del guru Felix Steven Manrique, secondo quanti riferito dalle autorità locali.

La giovane è stata una delle vittime della setta guidata dal guru peruviano Felix Steven Manrique, arrestato con l’accusa di tratta di esseri umani.

Patricia Aguilar è stata ritrovata proprio grazie alla pista che la polizia stava seguendo per catturare Manrique.

Nel momento del ritrovamento la diciannovenne spagnola si trovava nella Valle del Apurimac, Ene e Mantaro Rios (Vraem), tra le zone più pericolose del Perù, che si trova sotto il controllo dei trafficanti di droga e degli ultimi affiliati del gruppo terroristico Sendero Luminoso.

La ragazza è stata messa in salvo dalle autorità peruviane, con sé portava la figlia di appena un mese.

Malnutriti e con segni di violenze fisiche, Patricia Aguilar e la sua bambina sono state ritrovate insieme ad altri quattro minori e altre due donne che facevano parte della setta.

La famiglia di Patricia Aguilar aveva denunciato la scomparsa della figlia subito dopo la scomparsa, sostenendo che la ragazza fosse caduta vittima della setta del guru Manrique.

Ma la giovane aveva più volte smentito la dichiarazione della famiglia dicendo che si era unita alla setta per sua volontà.

Il quotidiano spagnolo El Pais ha scritto che Patricia Aguilar è stata “adescata” da Manrique via internet e poi costretta a scappare in Perù per unirsi a lui.

Ma per la ragazza i problemi non sono finiti, la famiglia di Patricia infatti stanno cercando un modo per far rientrare in Spagna la figlia, perché secondo quanto riferiscono le autorità è ora un immigrata irregolare con una figlia di nazionalità peruviana.

“Questo caso è iniziato a gennaio. A giugno sono state emesse misure di limitazione della libertà contro Manrique, e 10 giorni fa un gruppo di otto perone è stato inviato per localizzare e soccorrere le vittime”, ha dichiarato il capo del dipartimento peruviano contro il traffico di persone José Capa, a El Pais.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”