Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Perde la fronte” in un incidente stradale, una ragazza lancia l’appello: “Mai i piedi sul cruscotto”

Immagine di copertina

Grainne Kelly, una ragazza di 35 anni irlandese, ha avuto un incidente stradale molto grave che le ha causato delle lesioni su tutto il corpo, in particolare sulla fronte.

La ragazza aveva i piedi sul cruscotto quando si è verificato l’impatto causato dall’incidente. A quel punto l’airbag dell’automobile è esploso e ha scaraventato le ginocchia sulla sua fronte.

Grainne ha lanciato un appello in cui ha voluto chiedere alle persone di fare attenzione e di imparare dal suo errore. “Mai i piedi sul cruscotto”, ha detto la ragazza.

L’incidente è avvenuto a causa di una perdita di aderenza dell’auto sul ghiaccio. La macchina si è infatti schiantata contro un muro.

Le conseguenze dell’impatto sono state: una lesione cerebrale e molteplici fratture facciali. “A mia madre è stato detto che mi ero rotta qualsiasi osso della faccia”.

Grainne Kelly ha vissuto per due anni “senza fronte”. La fronte è stata poi sostituita con una nuova di ceramica.

La ragazza ha raccontato l’incidente alla stampa: “La Jeep è stata distrutta ma grazie a Dio non ci sono stati altri veicoli coinvolti. Il mio ragazzo è uscito con ferite lievi, grazie a Dio, ma ricorda tutto! È grazie a lui e alla mia famiglia che posso raccontarvi questa storia”.

Grainne Kelly da allora cerca di sensibilizzare le persone: “Mi si spezza il cuore che non tutti sappiano quanto sia pericoloso. Non voglio subiscano quello che ho subito io”.

La 35enne ha raccontato del suo percorso di riabilitazione: “La mia testa era come affossata e avevo un aspetto un po’ strano. Ma grazie allo straordinario lavoro dei chirurghi dell’ospedale di Beaumont nessuno saprebbe riconoscere che la mia fronte è artificiale”.

“Alcuni giorni ho difficoltà a parlare e non riesco a pronunciare le parole. Ho mal di testa quando parlo con molte persone e trovo difficoltà nel rimanere concentrata”. Sul suo attuale aspetto fisico afferma che “non mi piace ancora guardarmi allo specchio, ma ora posso affrontare meglio la vita. Perfavore ascoltatemi ed imparate dalla mia orribile esperienza”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari