Dopo 102 giorni, la Nuova Zelanda registra 4 casi di Covid: “Forse importato con un carico di surgelati”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 12 Ago. 2020 alle 12:40
63
Immagine di copertina

Dopo oltre tre mesi, la Nuova Zelanda registra 4 nuovi casi di Coronavirus. La scoperta di quattro infetti in una famiglia a Auckland ha portato la prima ministra Jacinda Ardern a reintrodurre pesanti restrizioni alla libertà di movimento nella più grande città del Paese e limitazioni ai viaggi in tutto il Paese.

Ma come è arrivato nuovamente il virus? Il sospetto cade su un carico di surgelati. Gli esperti della sanità neozelandese hanno assicurato che per 102 giorni non vi era stato alcun contagio da trasmissione locale, e che la famiglia di positivi non ha viaggiato oltreoceano. I familiari e i loro contatti che sono già stati testati non avevano avuto contatti con persone precedentemente risultate positive, né con persone che erano state nelle strutture di isolamento dove passa la quarantena chi risulta positivo al tampone alla frontiera. “Stiamo lavorando molto per mettere insieme il puzzle di come questa famiglia si sia infettata”, ha detto la prima ministra Jacinda Arden.

Il dubbio quindi riguarda la possibilità che il virus sia stato importato via cargo: si stanno svolgendo in queste ore i primi test sulle superfici del negozio di surgelati nel quale lavora uno dei quattro membri della famiglia. “Sappiamo che il virus può sopravvivere in ambienti refrigerati per un po’ di tempo”, ha spiegato la prima ministra in una conferenza.

La famiglia risultata positiva avrebbe avuto contatti con diverse persone, quando era già infetta. Due membri (una donna sui vent’anni e un bambino) hanno visitato alcuni siti turistici nella cittù di Rotorua, a tre ore di auto da Auckland, e un terzo è andato a lavoro in una compagnia finanziaria della città: tutti e tre avevano già dei sintomi. Il ministro della Sanità ha detto che altre 4 persone che hanno avuto contatti con la famiglia sono considerati come probabili positivi. Oltre 200 persone avrebbero incrociato la famiglia negli ultimi giorni: nel Paese ci si prepara a svolgere decine di migliaia di test nei prossimi giorni.

La prima ministra Jacinda Ardern ha annunciato anche il rinvio della dissoluzione del Parlamento, passaggio cruciale in vista delle elezioni del 19 settembre. Al momento non si sa se anche il voto sarà rimandato: l’annuncio è atteso entro lunedì.

Leggi anche: 1. La Russia registra il primo possibile vaccino contro il Covid, Putin lo fa testare alla figlia / 2. Seconda ondata Coronavirus: il piano ministero-Iss contro l’eventuale aumento dei casi in autunno / 3. “Io e i miei amici positivi al Covid dopo la vacanza a Malta: chiedo scusa ma troppo odio contro di noi”

63
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.