Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Seconda ondata Coronavirus: il piano ministero-Iss contro l’eventuale aumento dei casi in autunno

Immagine di copertina
Credits: Ansa

Seconda ondata Coronavirus: il piano ministero-Iss contro l’eventuale aumento dei casi

È stato diffuso dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), in collaborazione con il ministero della Salute e il Coordinamento delle Regioni e Province Autonome, il piano (scaricabile qui) contro l’aumento dei casi nell’eventualità in cui si verificasse una seconda ondata di Coronavirus in Italia. Il documento, dal titolo “Elementi di preparazione e risposta a Covid-19 nella stagione autunno-invernale”, è disponibile sul sito Fnomceo ed è stato redatto per “fronteggiare in modo ottimale un eventuale aumento nel numero di nuove infezioni da SARS-CoV-2 nella stagione autunno-inverno 2020-2021”.

Nel documento vengono descritti 4 scenari possibili: il primo è una “situazione di trasmissione localizzata (focolai) sostanzialmente invariata rispetto ad oggi, con Rt regionali sopra soglia per periodi limitati (inferiore a 1 mese) e bassa incidenza, nel caso in cui la trasmissibilità non aumenti sistematicamente da qui alla fine dell’estate, le scuole abbiano un impatto modesto sulla trasmissibilità e i sistemi di sanitari regionali riescano a tracciare e tenere sotto controllo i nuovi focolai, inclusi quelli scolastici”, mentre nel secondo si parla di “situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa ma gestibile dal sistema sanitario, con valori di Rt regionali sistematicamente e significativamente compresi tra Rt=1 e Rt=1.25 (ovvero con stime che superino 1 anche nell’intervallo di confidenza inferiore), nel caso in cui non si riesca a tenere completamente traccia dei nuovi focolai, inclusi quelli scolastici, ma si riesca comunque a limitare di molto il potenziale di trasmissione di SARS-COV-2 con misure di contenimento/mitigazione straordinarie già utilizzate con successo nelle prime fasi”.

Nel terzo scenario, invece, si parla di una “situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa con rischi di tenuta del sistema sanitario, con valori di Rt regionali sistematicamente e significativamente compresi tra Rt=1.25 e Rt=1.5 (ovvero con stime che superino 1.25 anche nell’intervallo di confidenza inferiore) ed in cui si riesca a limitare solo modestamente il potenziale di trasmissione di SARS-COV-2”, mentre il quarto, quello più catastrofico, lo scenario è di una “situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario, con valori di Rt regionali sistematicamente e significativamente maggiori di 1.5 nel suo intervallo di confidenza inferiore per periodi lunghi (almeno 1 mese)”.

In allegato al documento c’è anche una “checklist”, ovvero uno “strumento operativo inserito a titolo esemplificativo e non vincolante” per “supportare le Regioni/PPAA nel proprio processo di autovalutazione dello stato di preparazione del SSR ad affrontare l’emergenza Covid-19 nel periodo autunnale/invernale e di prioritizzazione delle attività da realizzare prima di tale periodo”. Tra i punti indicati nella “checklist”, l’offerta ospedaliera (dai posti letto al personale), l’organizzazione, la presa in carico dei pazienti Covid, dei contatti e delle persone fragili, con una particolare sezione dedicata alle Rsa, la sorveglianza integrata epidemiologica e microbiologica e, infine, le politiche di prevenzione e controllo delle infezioni e la formazione degli operatori sanitari.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: Documenti Cts, spunta una lettera inedita della Lombardia: “Dpcm di Conte ci impedivano di intervenire su Alzano e Nembro” 2. “Su Alzano e Nembro toccava a Conte chiudere, ma Fontana doveva insistere”: a TPI parla il consigliere lombardo che ha divulgato il verbale Cts

3. Nino Cartabellotta (Fondazione Gimbe) smonta la fake news sui nuovi casi Covid “d’importazione” 4. Lo studio sui Paesi che hanno riaperto le scuole: i bambini si infettano raramente 5. Ritorno a scuola: il piano scuola in quattro punti di Crisanti per la ministra Azzolina | VIDEO

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 149.512 casi e 248 morti. Tasso di positività al 16,1%
Cronaca / Dopo ansia e depressione causate dalla pandemia, spopola il mercato della tranquillità. Ecco cos’è e quanto spendiamo
Cronaca / Alzano e Nembro, la perizia di Crisanti ai pm: “Con zona rossa 4mila morti in meno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 149.512 casi e 248 morti. Tasso di positività al 16,1%
Cronaca / Dopo ansia e depressione causate dalla pandemia, spopola il mercato della tranquillità. Ecco cos’è e quanto spendiamo
Cronaca / Alzano e Nembro, la perizia di Crisanti ai pm: “Con zona rossa 4mila morti in meno”
Cronaca / Melandri ritratta: “Non ho preso volontariamente il Covid, era solo una battuta”
Cronaca / Covid, Locatelli (Cts): “Curva sta rallentando. Vaccinazioni con numeri straordinari”
Cronaca / Covid, oggi 180.426 casi e 308 morti. Tasso di positività al 14,8%
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / Marco Melandri: “Ho preso il Covid volontariamente per non vaccinarmi e avere il green pass”
Cronaca / Vladimir Luxuria a TPI: “Mi sento donna anche col pene”
Cronaca / Cannabis light, Luca Fiorentino a TPI: “In Europa si fanno leggi per aprire, da noi si cercano trabocchetti per chiudere”