Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché Nike Inc. è stata denunciata per discriminazione basata sul sesso

Immagine di copertina
Nike ha spesso puntato su messaggi femministi per le proprie campagne pubblicitarie. Credits: Nike.

La multinazionale che produce calzature e abbigliamento sportivo dovrà affrontare una denuncia per il proprio sessismo

Nike Inc. è stata denunciata presso la corte federale di Portland, nell’Oregon, per discriminazione basata sul sesso.

La multinazionale americana, che produce calzature, abbigliamenti e accessori sportivi e che prende il nome dalla dea greca della vittoria Nike, ha sede proprio in Oregon.

Alcune ex dipendenti si sono unite per denunciare il fatto di essere state “svalutate e umiliate” dalla compagnia, che sarebbe solita ignorare le donne quando è il momento di promuovere qualcuno, pagarle meno delle controparti maschili e ignorare le proteste in merito.

La causa è frutto di una class action che accusa la grande azienda sportiva di violare una legge statunitense, la Federal Equal Pay Act, ovvero la legge sulla parità di retribuzione tra uomini e donne del 1963.

La legge mira ad abolire la disparità retributiva basata sul sesso – nota anche come divario retributivo di genere o gender pay gap – e prevede che nessun datore di lavoro possa discriminare tra impiegati in base al sesso, pagando salari a un saggio minore del saggio al quale paga i salari ai dipendenti del sesso opposto nello stesso stabilimento.

Leggi anche: In 104 paesi del mondo esistono leggi che limitano il diritto al lavoro delle donne

Questo a parità di lavoro in mansioni il cui svolgimento richiede uguale abilità, sforzo e responsabilità e che sono svolte in condizioni di lavoro simili, a meno che il divario non sia causato da un sistema di anzianità, un sistema di merito, un sistema che misura i guadagni per quantità e qualità di produzione o un differenziale basato su qualsiasi altro fattore diverso dal sesso.

Secondo Sara Johnston e Kelly Cahill, le prime a lanciare la class action, le politiche occupazionali di Nike sono ostili alle donne. “Gli arbitri ultimi di queste politiche e pratiche sono un piccolo gruppo di dirigenti di alto livello, quasi tutti uomini”, dicono.

Nike, però, ha risposto dicendo che la compagnia “si oppone a ogni tipo di discriminazione e si impegna da tempo a favore della diversità e dell’inclusione”.

“La gran maggioranza dei lavoratori di Nike condividono i nostri valori di dignità e rispetto nei confronti dell’altro, ha aggiunto la compagnia.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue