Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Naufraghi finiti su un’isola deserta si salvano grazie all’SOS scritto sulla sabbia

Immagine di copertina

Naufraghi finiti su un’isola deserta si salvano grazie all’SOS scritto sulla sabbia

Su una piccola isola del Pacifico, tre naufraghi sono stati salvati grazie ad un SOS scritto sulla sabbia. Tre marinai, scomparsi lo scorso giovedì, erano in viaggio da Pulawat per raggiungere gli atolli Pulap, negli Stati Federali della Micronesia, ma sono finiti fuori rotta, hanno esaurito il carburante e hanno raggiunto l’isola disabitata di Pikelot, a 190 chilometri dalla loro destinazione. Come riporta la Cnn, la ricerca dei tre dispersi è avvenuta grazie al centro di salvataggio congiunto della Guardia costiera degli Stati Uniti a Guam. Quando i tre marinai non sono arrivati a destinazione come previsto, sono partite le ricerche.


Ad individuarli per la prima volta è stata una nave cisterna dell’Aeronautica militare americana. Il pilota del KC-135, il tenente colonnello Jason Palmeira-Yen, ha raccontato la vicenda via Facebook: “Eravamo verso la fine delle operazioni di ricerca. Abbiamo guardato in basso e abbiamo visto un’isola, quindi abbiamo deciso di dare un’occhiata e in quel momento abbiamo visto l’Sos scritto sulla sabbia e una barca proprio accanto, sulla spiaggia. Da lì abbiamo chiamato la marina australiana perché avevano due elicotteri nelle vicinanze che potevano sbarcare agevolmente sull’isola”. Di conseguenza, è arrivato un elicottero della nave australiana Hmas Canberra, che ha portato cibo ed acqua ai tre naufraghi. Una volta appurata l’identità dei tre uomini e le rispettive condizioni di salute, sempre rispettando le distanze di sicurezza causa Coronavirus, i naufraghi sono stati riportati a Pulawat da un’imbarcazione degli Stati Federali di Micronesia.

Leggi anche:

1. Liguria, l’isola Gallinara venduta a un magnate ucraino per oltre 10 milioni di euro / 2. In Australia è in vendita un’isola da sogno: l’ex proprietario la vinse a poker

Ti potrebbe interessare
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone