Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Stati Uniti, un giudice federale blocca (parzialmente) il piano di Trump sul muro col Messico

Immagine di copertina

Con un'ingiunzione preliminare il giudice impedisce il trasferimento di un miliardo di dollari per finanziare l'espansione del muro

Il piano di Donald Trump per costruire il muro al confine col Messico, su cui ha basato la sua campagna elettorale per le presidenziali, incontra un ostacolo nelle aule giudiziarie.

Il giudice Haywood Gilliam ha emesso un’ingiunzione preliminare per bloccare il trasferimento di un miliardo di dollari dal Dipartimento della Difesa voluto dal presidente statunitense per finanziare l’espansione del muro.

Il provvedimento limita quindi la costruzione a specifiche aree del Texas e dell’Arizona.

Tuttavia, non è escluso che Trump decida di finanziare comunque l’intera costruzione del muro, trasferendo fondi da altri progetti.

Haywood Gilliam è un giudice federale degli Stati Uniti, che fa capo al tribunale distrettuale settentrionale della California.

Il giudice ha emesso un’ingiunzione di 56 pagine in cui sostiene che Trump avrebbe dovuto interrompere i progetti in cui faceva affidamento su un miliardo di dollari di finanziamento del Pentagono contro la droga per pagare determinate espansioni e miglioramenti del muro al confine meridionale.

Il provvedimento è arrivato in seguito a una causa intentata dall’American Civil Liberties Union (ACLU) un’organizzazione non governativa che difende i diritti civili e le libertà individuali negli Stati Uniti.

Nel corso della campagna elettorale per le elezioni presidenziali del 2016, Trump aveva promesso che sarebbe stato il Messico a pagare per la costruzione del muro, la cui funzione sarebbe stata quella di bloccare il flusso dei migranti provenienti dall’America centrale e meridionale verso gli Stati Uniti.

Ma il Messico finora si è sempre rifiutato di pagare per la realizzazione del progetto voluto dal tycoon.

I repubblicani statunitensi hanno stimato che il completamento del muro avrebbe avuto un costo compreso tra i 12 e i 15 miliardi di dollari. Ma un rapporto del Government Accountability Office risalente a luglio 2018 ha messo in guardia sul fatto che il muro potrebbe “costare più del previsto, impiegare più tempo del previsto o non funzionare pienamente come previsto”.

Un muro nero per assorbire il calore e impedirne la scalata. L’ultima idea di Trump sulla barriera con il Messico

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri