Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Secondo il ministro dell’economia tedesco i negoziati tra Usa e Ue sul Ttip sono stati un fallimento

L'accordo commerciale prevede una zona di libero scambio, ma le divergenze tra le due sponde dell'Atlantico hanno fatto arenare la trattativa

Di TPI
Pubblicato il 28 Ago. 2016 alle 16:21 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:13
0
Immagine di copertina

Il ministro dell’Economia tedesco Sigmar Gabriel domenica 28 agosto ha dichiarato che i negoziati per il cosiddetto Ttip, il trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership), un accordo commerciale che prevede una zona di libero scambio tra Stati Uniti e Unione europea, sono sostanzialmente falliti.

“I negoziati con gli Stati Uniti sono di fatto falliti perché gli europei non vogliono assoggettarsi alle richiesta statunitensi”, ha detto in un’intervista alla rete televisiva ZDF. “E le cose non stanno procedendo su questo fronte”, ha aggiunto.

Le due parti stanno discutendo da tre anni sul trattato e avrebbero dovuto raggiungere un accordo entro il 2016. Ma numerose questioni, in particolare nel settore dell’agricoltura, restano in sospeso.

Il trattato in sostanza ha l’obiettivo di creare una vasta area di libero scambio, all’interno della quale diminuire al minimo dazi doganali, vincoli burocratici e restrizioni sugli investimenti.

Dovrebbe rendere più semplice per le imprese europee l’esportazione di beni e servizi negli Stati Uniti e viceversa. Nelle intenzioni dei negoziatori, potrebbe fare da impulso per l’economia e creare nuovi posti di lavoro. 

I detrattori dell’accordo, invece, sostengono che non è vero che creerà nuovi posti di lavoro, al contrario farà gli interessi delle multinazionali e delle imprese, a discapito di consumatori e lavoratori.

— LEGGI ANCHE: TUTTO QUELLO CHE C’É DA SAPERE SUL TTIP

GLI ACCORDI COMMERCIALI SEGRETI

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.