Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cento cadaveri di troppo: proteste in Messico per un tir carico di salme

Immagine di copertina

Un rimorchio refrigerato di un tir contenente almeno 100 cadaveri ha mandato su tutte le furie gli abitanti dello stato occidentale di Jalisco, in Messico.

I cittadini infatti si sono fortemente lamentati per il cattivo odore che proviene dal container che è stato affittato dalle autorità locali dopo che gli obitori nella città di Guadalajara si sono riempiti all’inverosimile.

“Abbiamo molti bambini in questo quartiere… potrebbe farci ammalare tutti”, ha detto José Luis Tovar, uno dei residenti.

Un grosso problema che le autorità non saprebbero come risolvere. Le leggi in Messico infatti impediscono la cremazione di corpi collegati a reati violenti che di recente sono aumentati a dismisura.

“Abbiamo finito le tombe dei cimiteri dove potremmo seppellirli”, ha detto il capo dell’unità investigativa forense di Jalisco, Luis Octavio Cotero che ha poi aggiunto – secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa AFP – che si starebbe cercando un sito dove seppellire ben 800 cadaveri.

Sepolutre che farebbero rientrare l’emergenza e quindi permetterebbero alle autorità di poter “smaltire” anche i 100 corpi presenti nel rimorchio refrigerato che nel frattempo sta facendo il giro del Messico.

Il container infatti inizialmente era stato parcheggiato in un magazzino nel quartiere di Duraznera, alla periferia di Guadalajara, ma dopo due settimane gli abitanti hanno cominciato a lamentarsi per un fetido odore e per le mosche che stavano invadendo la zona.

Quindi lo spostamento nel sobborgo di Tlajomulco de Zúñiga.”Non lo vogliamo qui, hanno bisogno di metterlo da qualche altra parte, puzza”, le parole dei residenti.

Non sono anni facili per il Messico: più di 200.000 persone sono state uccise o sono scomparse dal dicembre 2006 , quando il governo messicano ha dichiarato guerra al crimine organizzato.

Il Messico ha vissuto il suo anno più violento nel 2017 con oltre 25.000 omicidi. Trequarti dei quali per mano del crimine organizzato. Insomma, una vera e propria emergenza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte