Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rientra in Italia la salma di Lorenzo Orsetti

Immagine di copertina

Oggi, 31 maggio, la salma di Lorenzo Orsetti, il fiorentino di 33 anni morto in Siria mentre combatteva contro l’Isis al fianco delle milizie curdo-arabe è rientrata in Italia.

La comunità curda di Roma si è organizzata per accogliere il giovane volontario nella zona Cargo dell’aeroporto di Fiumicino intorno alle ore 15, per poi seguire il feretro fino all’istituto di medicina legale del Verano del quartiere San Lorenzo.

La salma non sarà riconsegnata immediatamente alla famiglia: la Procura di Roma ha predisposto “ulteriori accertamenti” sul corpo del giovane fiorentino, per cui la sepoltura nel cimitero delle Porte Sante di Firenze non ha ancora una data.

Sempre oggi, 31 maggio, il centro socio culturale Ararat di Roma festeggia i suoi 20 anni di autogestione e celebra anche il rientro della salma di Orso e la fine dello sciopero della fame dei più di 7mila curdi, impegnati nella lotta contro l’isolamento di Abdullah Öcalan nel carcere turco di Imrali.

“Io, curdo, in sciopero della fame per Ocalan e per i diritti del mio popolo”

Il rientro di Lorenzo Orsetti in Italia era atteso da mesi. Il giovane è stato ucciso dall’Isis il 18 marzo 2019 a Baghouz, l’ultimo villaggio ancora in mano ai jihadisti nel Sud-est della Siria.

Il suo corpo era stato recuperato pochi giorni dopo dalle forze curdo-arabe, ma ha lasciato il Rojava soltanto il 5 maggio.

Şehid Tekoser (Lorenzo Orsetti) ha lasciato oggi [5 maggio, ndr] il Rojava con tutti gli onori militari. Sarà seppellito nella sua terra. È caduto come un grande rivoluzionario, la sua speranza sopravvive nella rivoluzione e nei nostri cuori”: era stato questo il messaggio dell’Internationalist Commune of Rojava.

“Mio figlio è un partigiano, la politica ha paura di certi ideali”: parla a TPI il padre di Lorenzo, il combattente italiano morto in Siria

Il rientro della salma in Italia era stato più volte rimandato a causa di problemi sorti in loco tra il Consolato italiano in Iraq e l’autorità del Rojava, non riconosciuta a livello internazionale.

TPI aveva intervistato il padre di Lorenzo Orsetti per avere maggiori dettagli sulle procedure, ma la famiglia non aveva informazioni precise al riguardo. Poi la notizia della data del rientro e della disposizione da parte della Procura di Roma di “ulteriori accertamenti”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)