Me

Siria, il corpo di Lorenzo Orsetti ha lasciato il Rojava

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 5 Mag. 2019 alle 15:51 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:14
Immagine di copertina

Il 5 maggio 2019 il corpo di Lorenzo Orsetti, il ragazzo fiorentino di 33 anni morto in Siria per mano dell’Isis, ha lasciato il Rojava.

Raggiunto telefonicamente da TPI, Alessandro Orsetti, padre di Lorenzo, ha commentato così la notizia: “Siamo molto contenti, ringraziamo molto i compagni curdi e gli auguriamo che la loro rivoluzione continui. Ora speriamo che il nostro governo ce lo riporti, lo aspettiamo col cuore aperto, noi e tutti coloro che gli hanno voluto bene e che condividono i suoi ideali e che sono tanti”.

La notizia è stata data dagli account social dell’Internationalist Commune of Rojava: “Şehid Tekoser (Lorenzo Orsetti) ha lasciato oggi il Rojava con tutti gli onori militari. Sarà seppellito nella terra del partigiano. È caduto come un grande rivoluzionario, la sua speranza sopravvive nella rivoluzione e nei nostri cuori”.

Da più di un mese la salma di Lorenzo Orsetti era ferma nella Federazione Democratica della Siria del Nord (Rojava) in attesa di essere trasferita in Italia.

I genitori infatti hanno scelto di riportare il corpo del figlio a Firenze: nel suo testamento, Lorenzo Orsetti aveva lasciato a loro la decisione finale su dove dovesse essere seppellito, se in Italia o in Siria nel cimitero dei martiri.

Il padre del combattente in una recente intervista a TPI aveva raccontato che erano sorti dei problemi nelle procedure di rimpatrio della salma del figlio per una mancanza di comunicazione tra la Farnesina e i curdi.

“Mio figlio è un partigiano, la politica ha paura di certi ideali”: parla a TPI il padre di Lorenzo, il combattente italiano morto in Siria

Lorenzo Orsetti – Lorenzo Orsetti ha perso la vita il 18 marzo 2019 in un’imboscata dei miliziani dell’Isis nel villaggio di Baghouz, ultimo territorio ancora in mano allo Stato islamico.

Poco dopo la sua morte la zona è stata liberata dalle Forze democratiche siriane curdo-arabe, segnando così la fine dello Stato islamico in Siria.

TPI aveva intervistato Lorenzo Orsetti il 4 marzo per sapere come stava procedendo la riconquista degli ultimi territori ancora in mano ai jihadisti.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

In quell’occasione, aveva raccontato come si fosse unito alle YPG perché credeva nella rivoluzione che la popolazione del Rojava sta portando avanti.

“Volevo vedere la rivoluzione con i miei occhi, capire come si fa, cosa riesce e cosa no. Inoltre mi sembrava la cosa giusta: c’erano diversi ideali che mi attraevano e nei quali mi riconosco, come quelli di autogoverno e organizzazione dal basso”, aveva risposto Lorenzo.