Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il leader d’opposizione in Venezuela dice che costringerà Maduro alle dimissioni

Immagine di copertina

Henrique Capriles sostiene che riuscirà a raccogliere 4 milioni di firme per indire un referendum revocatorio contro il governo socialista

Il leader dell’opposizione del Venezuela, Henrique Capriles, sostiene di essere in grado di raccogliere i 4 milioni di firme che occorrono per indire un referendum revocatorio e costringere il presidente Nicolas Maduro a dimettersi.

“Sono 4 milioni di persone, sarà molto importante, aprirà le porte al referendum, la gente voterà e avremo un nuovo governo nel nostro paese”, ha detto Capriles alla Bbc, “Sembra molto difficile riuscire a ottenere questo risultato, ma sarà così notevole che sarà molto difficile per Maduro evitare il referendum”.

Il presidente Maduro accusa l’opposizione di voler mettere in atto un colpo di stato. L’ultima manifestazione antigovernativa ha visto la partecipazione di centinaia di migliaia di persone.

Le forze d’opposizione e molti cittadini ritengono che il governo socialista di Maduro sia responsabile della crisi economica del paese e accusano la commissione elettorale di voler posticipare al 2017 un referendum che anticiperebbe la caduta del governo.

Il mandato di Maduro dovrebbe concludersi nel 2019. La costituzione del Venezuela permette ai cittadini di attivare il referendum revocatorio. Se il referendum si tenesse quest’anno e il voto sfiduciasse Maduro, come suggeriscono i sondaggi, sarebbero indette le elezioni presidenziali. Se invece la revoca arrivasse l’anno prossimo, la costituzione prevede che il vicepresidente subentrerebbe per i restanti due anni.

“Stiamo vivendo il peggior momento della nostra storia”, ha dichiarato Capriles. “Il Venezuela non ha solo il petrolio. Il Venezuela ha tutto, il problema è chi guida il paese e io voglio essere il leader del cambiamento”.

Il greggio rappresenta la maggior parte dei profitti del paese in termini di esportazioni. Il crollo dei prezzi e la cattiva gestione dei conti hanno portato il Venezuela al collasso economico.

— Leggi anche: Un pacco di pasta in Venezuela costa fino a 270 euro

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Esteri / Terremoto in Turchia, morto il portiere Türkaslan: sui social la struggente reazione delle moglie
Esteri / Terremoto in Turchia: la scossa potente come 130 bombe atomiche, oltre 5.100 i morti
Esteri / Terremoto Turchia, ritrovato sotto le macerie il calciatore Christian Atsu. Media inglesi: “Sta bene”
Esteri / Bimbo di 6 anni ordina mille dollari di cibo con lo smartphone del padre: “Non so se ridere o arrabbiarmi”
Esteri / “Peccato, avrebbe potuto vincere”: l’ironia della portavoce russa sull’assenza di Zelensky in video a Sanremo
Esteri / I quoll rischiano l’estinzione: non dormono per fare più sesso
Esteri / Tragedia in Francia: morti 7 bambini e la loro madre in un incendio. Grave il padre