Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Bella e la Bestia potrebbe venire censurato in Russia

Immagine di copertina

Il film sarà il primo della Disney a contenere una scena d'amore omosessuale. Per questo motivo il ministero della Cultura russo sta pensando di censurarlo

I responsabili della comunicazione pubblica russa stanno prendendo in considerazione l’idea di censurare il nuovo film della Disney Beauty and the Beast, trasposizione cinematografica dell’omonimo cartone animato.

Un membro del parlamento russo ha descritto il film come una “svergognata propaganda del peccato” e il ministro della Cultura Vladimir Medinsky ha dichiarato che saranno presi provvedimenti in seguito alle “verifiche” che verranno effettuate sulla pellicola.

Il film La Bella e La Bestia, che uscirà nelle sale italiane giovedì 16 marzo 2017, è il primo film di animazione Disney che propone una scena di amore omosessuale. “Sarà un momento esclusivamente gay”, ha dichiarato il regista Bill Condon. Si tratta di LeFou, che ha il ruolo di compagno del principale antagonista del film, Gaston.

La storia di LeFou (interpretato dall’attore americano Josh Gad) e Gaston e della loro relazione che oscilla tra il desiderio e la semplice ammirazione, fa solamente da cronice alla trama principale de La Bella e La Bestia.

Anche in Russia il film sarà proposto al pubblico il prossimo 16 marzo, ma come ha fatto sapere il deputato Vitaly Milonov dello United Russia Party, partito di governo, ci sarà una proiezione del film per i responsabili della comunicazione del ministero della Cultura antecedente all’uscita ufficiale nel paese. Il tutto servirà a stabilire se nelle scene cinematografiche siano presenti o meno “elementi di propaganda della cultura dell’omosessualità”.

“Non appena avremo una copia ufficiale del film, decideremo tutto in base alla legge vigente”, ha fatto sapere il ministro della Cultura Mdisnky.

Una legge russa del 2013 proibisce la “diffusione di propaganda gay” e riporta l’omosessualità come “non-tradizionale relazione sessuale aliena allo stile di vita russo.”

“Non porterò i miei figli a vedere questo film”, ha reso noto il celebre attore Pavel Derevyanko attraverso i microfoni della TV di stato russa Russia 24.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo video mostra l’attentatore di Trump mentre si arrampica sul tetto: il pubblico lo nota e richiama l’attenzione
Esteri / Russia, parlò del massacro di Bucha: la giornalista Masha Gessen condannata in contumacia a 8 anni
Esteri / Israele: poetessa palestinese Hanan Awwad fermata, aggredita e interrogata per ore sui suoi scritti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo video mostra l’attentatore di Trump mentre si arrampica sul tetto: il pubblico lo nota e richiama l’attenzione
Esteri / Russia, parlò del massacro di Bucha: la giornalista Masha Gessen condannata in contumacia a 8 anni
Esteri / Israele: poetessa palestinese Hanan Awwad fermata, aggredita e interrogata per ore sui suoi scritti
Esteri / Trump torna a parlare dopo l’attentato: “Grazie a Dio non sono morto. Ora ho l’occasione per unire gli Usa e il mondo intero”
Esteri / Gaza: 38.664 morti e oltre 89mila feriti. Nyt: "L'Idf ha colpito i primi soccorritori dopo il raid a Khan Younis"
Esteri / Chi era Thomas Matthew Crooks, l’attentatore di Donald Trump | VIDEO
Esteri / Spari contro Trump a un comizio in Pennsylvania: l’ex presidente ferito all’orecchio. Ucciso l’attentatore. Una vittima tra il pubblico, due feriti gravi
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza