Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Kuciak: ex militare confessa l’omicidio del giornalista

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 11 Apr. 2019 alle 22:28 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:01
0
Immagine di copertina

Dopo mesi dal suo arresto, Miroslav Marcek, ha confessato il suo coinvolgimento nell’omicidio del giornalista investagativo slovacco Jan Kuciak e della fidanzata Martina Kusnirova.

>> Caso Jan Kuciak: quattro persone arrestate per l’omicidio del giornalista slovacco

L’ex militare, dopo 5 ore di interrogatorio, ha affermato di aver sparato ai due giovani il 21 febbraio del 2018 nell’appartamento di Kuciak a Velka Maca, paese a nord-est della capitale Bratislava. A dare la notizia l’emittente televisiva Rtvs.

Marcek prima della sua confessione era considerato semplicemente l’autista del commando, mentre si riteneva che l’esecutore materiale fosse Tomas Szabo.

Jan Kuciak, 27 anni, stava indagando su un caso di corruzione politica che vedeva coinvolta anche la criminalità organizzata italiana e si pensa che dietro il suo omicidio ci sia il lavoro che stava conducendo.

>> Caso Kuciak, ambasciatore slovacco a TPI: “Ci sono altre piste oltre alla ‘ndrangheta”

Il suo omicidio aveva dato vita a numerose proteste in Slovacchia, tanto da costringere l’allora primo ministro Robert Fico a rassegnare le sue dimissioni.

Il premier tra l’altro era tra le persone su cui Kuciak stava indagando.

La reazione generata dall’omicidio del giovane reporter ha mostrato i suoi effetti in occasione delle elezioni presidenziali tenutesi a fine marzo e che hanno visto trionfare Zuzana Caputova.

Prima donna eletta a capo del paese, il suo ruolo per quanto di rappresentanza è fondamentale nella lotta alla corruzione: il presidente della Slovacchia ha diritto di veto sulla nomina dei giudici.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.