Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Kirghizistan ha votato a favore della riforma costituzionale che accresce i poteri del governo

Immagine di copertina

L’80 per cento degli elettori ha approvato la proposta del presidente Almazbek Atambayev, accusato dalle opposizioni di volersi candidare a premier dopo il suo mandato

Il Kirghizistan ha votato a favore della riforma costituzionale, che accresce i poteri dell’esecutivo.

Domenica 11 dicembre 2016 la Commissione elettorale centrale ha diffuso i primi risultati. Circa l’80 per cento degli elettori ha approvato le modifiche proposte in parlamento dagli alleati del presidente Almazbek Atambayev, che aumentano le facoltà del primo ministro e del governo guidato dal suo partito. L’affluenza è stata del 42 per cento.

Alcuni critici della riforma hanno accusato Atambayev, che ha 60 anni, di volere diventare lui stesso primo ministro al termine del suo mandato, ma il presidente ha negato.

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) e il Consiglio d’Europa hanno commentato con una dichiarazione congiunta dell’agosto 2016 che la riforma rischia di accrescere a dismisura le prerogative dell’esecutivo, a spese del potere legislativo e giudiziario.

Nello stesso commento, le due istituzioni hanno aggiunto che alcuni emendamenti alla legge fondamentale potrebbero indebolire il rispetto dei trattati internazionali e la tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Il Kirghizistan è una piccola nazione centro asiatica, molto povera – è 154esima nella classifica mondiale degli stati per Pil pro capite –, con un popolazione di 5,7 milioni di abitanti, a prevalenza musulmana. Negli ultimi anni è stata caratterizzata dall’instabilità politica: manifestazioni di massa e proteste violente nel 2005 e nel 2010 hanno costretto due presidenti alle dimissioni.

La proposta di Atambayev di modificare la costituzione del 2010 gli ha alienato l’appoggio di alcuni alleati. Se dopo il risultato del referendum il conflitto tra il presidente e l’opposizione si inasprisse, potrebbe esserci una destabilizzazione nella nazione, in cui si trovano basi militari russe.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”