Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Tre motivi per cui nessun moderato britannico avrebbe potuto votare Corbyn

Immagine di copertina
Jeremy Corbyn

La sconfitta di Jeremy Corbyn alle elezioni in Gran Bretagna è legata anche al posizionamento ideologico e politico del candidato laburista, decisamente poco attrattivo per gli elettori moderati e liberali inglesi.

Ci sono tre ragioni per cui gli elettori inglesi possono aver avuto grande difficoltà a votare Corbyn. Vediamole insieme.

Innanzitutto Corbyn ha sempre mantenuto un atteggiamento ambiguo e poco chiaro sul tema dell’appartenenza all’Unione Europea. Ha proposto un nuovo referendum e ha promesso di accettare qualunque risultato.

Questo lo ha di fatto equiparato alla posizione conservatrice, aggiungendo una certa dose di incertezza (di cui la Gran Bretagna non sente effettivamente il bisogno). Una scelta decisamente poco strategica per gli elettori e per i mercati.

Poi c’è il tema delle nazionalizzazioni. In UK le liberalizzazioni sono state avanguardia in tutti i settori e il ruolo del privato nell’agenda economica nazionale è rispettato in modo trasversale dall’elettorato.

Corbyn ha comunque scelto di sostenere una linea dura contro il mercato, proponendo nazionalizzazioni ed interventi statali in diversi settori strategici: dall’energia, ai trasporti, passando per la sanità e la previdenza.

Un approccio che si scontra con la storia culturale del Paese, che per dieci anni ha sostenuto Margareth Thatcher e per altrettanti Tony Blair, che non aveva di certo posizioni così polarizzate sul socialismo economico.

Infine c’è l’antisionismo, o presunto antisionismo. Jeremy Corbyn ha in passato assunto posizioni ambigue sui temi che riguardano i rapporti tra Israele e Palestina, commettendo un grave errore strategico e politico, che tuttora non trova spiegazione.

Nel 2018 è infatti scoppiato un caso che riguarda una vicenda avvenuta nel 2014. A quel tempo Corbyn scelse di visitare un cimitero dove erano sepolti alcuni terroristi palestinesi responsabili del massacro di Monaco del 1972.

Il fatto venne giustificato dai laburisti come un “fraintendimento”: Corbyn era andato – secondo la sua testimonianza – a rendere omaggio ad altre vittime palestinesi, non coinvolte negli attentati del 1972, ma stampa e fonti, oltre che fotografie, indicavano una diversa versione dei fatti.

L’evento venne fortemente criticato dai membri della Comunità Ebraica della Gran Bretagna e da diversi leader politici internazionali. Uno “scivolone” che può essere costato molto caro a Corbyn, che oggi vede sgretolare il sogno di guidare il Regno Unito dice addio anche alla guida del Partito Laburista.

Elezioni Regno Unito: trionfo dei Conservatori di Boris Johnson. Brexit ormai a un passo
Cosa succede ora dopo la vittoria di Boris Johnson
Cosa succede agli italiani che vivono nel Regno Unito dopo la vittoria di Boris Johnson
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Esteri / Iran: il cantante Mehdi Yarrahi va agli arresti domiciliari
Esteri / Biden: “Il buon sesso è la chiave per il successo di un matrimonio”
Esteri / Usa, soldato si dà fuoco davanti all’ambasciata di Israele: “Non sarò complice di un genocidio”
Esteri / Scambio di colpi tra Hezbollah e le Idf in Libano: 2 morti. Israele chiede le dimissioni del segretario generale Onu
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti