“Infettare più ebrei, neri e musulmani possibile”: il nuovo diktat dei neonazisti inglesi

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 10 Lug. 2020 alle 19:38
1.4k
Immagine di copertina

C’è un nuovo ordine che circola tra alcuni gruppi neonazisti del Regno Unito, ed quello di “infettare più ebrei, neri e musulmani possibile”. A rivelare il diktat degli estremisti di destra è un rapporto della Commissione britannica per la lotta all’estremismo e al terrorismo, secondo il quale questi gruppi sfrutterebbero la crisi prodotta dall’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Covid-19 per alimentare razzismo, antisemitismo e xenofobia.

L’intento, ovviamente, è quello di “seminare divisione” e creare tensioni tramite una accurata strategia social: ad essere diffusi dagli estremisti sul web una serie di post che incolpano alcune minoranze, come appunto ebrei e musulmani, per la diffusione del Coronavirus, o che invitano le persone ad infettarne, di proposito, “il più possibile”. Si tratta di una narrativa già utilizzata anche dai gruppi islamisti, i quali si impegnano nella diffusione di notizie secondo cui il Covid sarebbe una punizione divina per quell’occidente infedele e corrotto. Altri gruppi invece – più vicini all’estrema sinistra – sarebbero i responsabili della creazione di alcune fake news sempre riguardanti il Coronavirus, il quale viene indicato come conseguenza della tecnologia 5G.

Leggi anche: 1. Il Cdm approva il decreto Semplificazioni “salvo intese”: ecco cosa prevede / 2. Roma, positivo al Covid con tosse e febbre fermato alla stazione Termini. Aveva viaggiato per cinque giorni / 3. Test sierologici a docenti e bidelli o la scuola a settembre non riapre: ecco il piano del Cts

4. Bergamo, dopo 4 mesi la terapia intensiva è Covid-free: nessun paziente ricoverato / 5. Gli specializzandi non medici in prima linea contro il Covid: “Noi considerati camici di serie B” / 6. Giovani, risorse da sfruttare ma non stabilizzare. E anche dopo il Covid il Governo li ignora

1.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.